/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

POLITICA | mercoledì 09 marzo 2016, 20:24

Sanremo: il consiglio si esprime all'unanimità contro la cessione alla Francia di un tratto di mare

La discussione è nata da un ordine del giorno di Fratelli d'Italia. Baggioli di Forza Italia propone uno sconto sulle tasse comunali ai pescatori.

Il consiglio comunale di Sanremo si è aperto con la discussione su un ordine del giorno presentato dal gruppo di Fratelli d'Italia – Alleanza Nazionale contro la cessione alla Francia di una porzione importante di un tratto di mare. “Una situazione emersa dopo il sequestro subìto da un peschereccio di Sanremo (vedi foto sopra n.d.r.) da parte delle autorità francesi – ha detto il capogruppo Luca Lombardi - Chiediamo un impegno da parte del sindaco di farsi parte attiva presso gli organi statali competenti per scongiurare la ratifica di questo trattato. Altrimenti ci sarebbero gravi problemi a tutte quelle famiglie che vivono di pesca. La zona in questione è poi molto importante per la pesca del famoso gambero rosso di Sanremo, il cui valore è stato riconosciuto con la Deco”.

Lombardi ha sottolineato l'aspetto che riguarda, oltre al gambero rosso, anche la pesca del pesce spada. In aggiunta alla nota fossa di Ventimiglia sarebbero infatti a rischio anche altre due zone di 28 miglia per 28 e di altre 80 miglia per 28 (vedi cartina sotto). Se questo fosse concretizzato, l'area di pesca del pesce spada a disposizione dei pescatori italiani si ridurrebbe considerevolmente con un conseguente concentramento a svantaggio di tutti gli equipaggi italiani.

“Noi condividiamo pienamente questo ordine del giorno – è intervenuto Simone Baggioli di Forza Italia – un ringraziamento va alla capitaneria di porto di Sanremo e di Genova per la vicinanza dimostrata dall'equipaggio in questione. Propongo di venire incontro ai pescatori per concedere uno sconto di qualche tassa comunale per testimoniargli come la città gli sia vicina”.

Giuseppe Faraldi ha poi annunciato il voto favorevole del gruppo Sanremo al Centro “Esortando il sindaco a continuare quanto già fatto e dimostrato sia con i pescatori sia con le autorità competenti – ha detto – Sono già state presentate interrogazioni e mozioni da parte della senatrice Albano, dell'Europarlamentare Briano, e del Movimento 5 Stelle, e in tal senso si era anche mosso l'assessore regionale Mai. Ringrazio anche io la guardia costiera per quanto fatto permettendo che la situazione si risolvesse nei tempi più celeri possibili”.

“Il timore è che tutto si dimostri troppo blando finendo come una bolla di sapone - Ha detto Giuseppe Fera del gruppo misto – Al di la della perdita del gambero, il timore è legato all'inquinamento che può giungere nelle nostre coste. Si dice infatti che a seguito di indagini sia stato trovato petrolio in quella zona che per questo che è divenuta appetibile”.

Favorevole si è dichiarato anche il Partito Democratico. “Sottolineo l'impegno già profuso dall'Amministrazione Comunale dal giorno in cui è emersa questa situazione fino ad oggi” ha detto Giorgio Trucco.

“E' una situazione grottesca – è intervenuto Gianni Berrino di Fratelli d'Italia – Intanto non capisco come si possa essere all'oscuro di questa situazione. Noi con questo trattato diamo lo sfruttamento economico completamente alla Francia sopra e sotto le acque. E' vergognoso cedere anche solo un centimetro quadrato di confine, figuriamoci quaranta miglia quadrate o centinaia di miglia per un futuro sfruttamento”.

“Il mio intervento è iniziato prima della presentazione di questo ordine del giorno – ha voluto precisare il sindaco Alberto Biancheri – Tanto che avevo chiesto a Carlo Conti se fosse stato possibile parlarne durante il Festival. Questo è un tema di estrema importanza per il nostro territorio. Si può pensare anche di organizzare una delegazione per andare a portare avanti la battaglia tutti insieme a Roma”.

L'ordine del giorno è stato infine approvato all'unanimità.

In apertura di seduta il presidente del consiglio comunale Alessandro Il Grande aveva intanto comunicato in via ufficiale la recente nomina di Maurizio Caridi a presidente della Fondazione dell'Orchestra Sinfonica, al posto del dimissionario Stefano Senardi.

L'ora a disposizione delle interpellanze è proseguita con un nuovo intervento di Fratelli d'Italia sullo stato di degrado del sollettone di piazza Colombo. Il capogruppo Luca Lombardi ha inoltre chiesto quali siano i progetti dell'Amministrazione per la piazza stessa. A rispondere è stato il vicesindaco ed assessore ai lavori pubblici Leandro Faraldi che, oltre a sottolineare le problematiche emerse sotto il prato sintetico, ha confermato la volontà di demolire la parte dietro per evitare di mantenere una barriera dietro la quale ci si può nascondere.

E' poi seguita un'interpellanza di Simone Baggioli di Forza Italia affinchè venga posizionato un impianto semaforico all'incrocio tra Via Carducci e corso Inglesi “Per eliminare uno stato di totale insicurezza” ha sottolineato.

Federico Marchi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore