/ POLITICA

Affari & Annunci

casa 45 metri a poggio di sanremo. secondo e ultimo piano in ordine ammobiliata. portoncino blindato serramenti alluminio e cassetta di sicurezza in muratura. Vendo con urgenza...

Monaco 2 e 10 euro 2011, serie Bu 2009 Euroserie e non FDC o Proof originali vendesi; banconote estere n. 100 differenti vendesi euro 60+ spese.

Bussana vendesi appartamento arredato mq 45 + terrazzino sito al secondo piano no condominio disponibile subito zona silenziosa, inintermediari, classe energetica G.

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | giovedì 18 febbraio 2016, 11:54

Regione: anche il Giudice Ferdinando Imposimato tra i relatori del Tavolo della Legalità domani a Genova

Il magistrato invitato come ospite dal MoVimento 5 Stelle al primo incontro di domani, ore 9 al Teatro della Gioventù.

Ci sarà anche il giudice Ferdinando Imposimato, Presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione, tra i relatori del “Tavolo della Legalità per la Liguria” che si riunirà per la prima volta domani, alle ore 9, al Teatro della Gioventù di Genova. A proporlo è stato il MoVimento 5 Stelle ligure, che parteciperà al tavolo per la prevenzione del crimine organizzato con il proprio membro eletto, Alice Salvatore.

“Per un tema tanto importante – spiega Salvatore - abbiamo voluto fortemente un’ospite dall’alto profilo civico e culturale e un simbolo della lotta alla malavita in tutte le sue forme. Siamo certi che, con il suo bagaglio di competenza ed esperienza, apporterà un grande contributo al confronto su temi di strettissima attualità, anche nella nostra regione”.

Nel corso della mattinata sarà presentato il IX Rapporto sulla Sicurezza urbana in Liguria, firmato dall’Università di Genova.

“Ci auguriamo che quella di domani sarà l’occasione per avviare un vero dibattito sul contrasto alla criminalità organizzata e mafiosa, che sino ad oggi in Liguria si è sempre fermato alle buone intenzioni” prosegue Salvatore.

“Da sempre il MoVimento 5 Stelle – conclude la portavoce penta stellata - pone al centro del suo programma la lotta alle mafie e alla corruzione, soli in un contesto politico a dir poco sconfortante in cui le altre forze politiche accettano di annoverare tra le loro fila indagati e condannati, anche per reati direttamente collegati ai loro ruoli di amministratori pubblici, e quindi ancor più grave!”.

 

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore