/ POLITICA

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | venerdì 29 gennaio 2016, 08:16

Regione: 107 iscritti al PD contro la decisione di portare il gonfalone della Liguria al Family Day di Roma

"Chi fosse d’accordo con le tesi proposte al Family Day potrà partecipare a titolo personale o in rappresentanza del partito di appartenenza. Ma non in nome della cittadinanza nella sua interezza. Questo no" - spiegano dal PD.

107 iscritti e sostenitori del Partito Democratico della Liguria si sono detti profondamente contrari alla presenza del gonfalone della Regione Liguria alla manifestazione "Family Day" di Roma.

"Noi, iscritti e sostenitori del Partito Democratico della Liguria diciamo “No all’uso del gonfalone della Regione Liguria al Family Day” e chiediamo che venga revocata la concessione fatta in occasione della riunione della giunta regionale del 22 gennaio 2016 con cui la Regione Liguria ha autorizzato l'uso del gonfalone regionale per il 30 gennaio a Roma in occasione della manifestazione denominata “Family Day” - sottolineano dal PD.

"Non è assolutamente nostra intenzione mettere in discussione la libertà di manifestare di chiunque, sia esso rappresentativo della maggioranza o della minoranza dei cittadini, purché la manifestazione sia stata autorizzata dalle autorità competenti e anche se a oggi non ci è chiaro chi la organizzerà. - precisano - Non possiamo accettare che un’istituzione rappresentativa di un popolo intero, quale quella dell' Ente Regione Liguria, prenda una posizione dichiaratamente di parte, e conceda l’uso di uno degli emblemi regionali, il gonfalone, che insieme alla bandiera ed al sigillo sono rappresentativi di tutta la comunità".

"Chiediamo la revoca della concessione dell’uso del gonfalone per il Family Day di domenica, per evitare una palese violazione dello Statuto Regionale e un vulnus istituzionale difficilmente sanabile. - concludono - Chi fosse d’accordo con le tesi proposte al Family Day potrà partecipare a titolo personale o in rappresentanza del partito di appartenenza. Ma non in nome della cittadinanza nella sua interezza. Questo no".

 

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore