/ POLITICA

Spazio Annunci della tua città

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | domenica 17 gennaio 2016, 18:03

Punto nascite unico nella provincia di Imperia: le prime riflessioni dei Sindaci del Ponente

Ioculano, Pallanca, Gazzola e Gibelli auspicano che si possa mantenere un equilibrio nella distribuzione dei servizi e che dalla Regione si lavori ad una diversa e più equa ripartizione delle quote procapite sanitarie

In questi giorni la notizia dell'accentramento del punto nascita in un unico ospedale, da definire ancora se individuare nella struttura di Sanremo o di Imperia, è argomento di discussione per i Sindaci delle Valli Roia e Nervia.

"Chi meglio degli amministratori locali conosce le problematiche dei cittadini che vivono nelle vallate, e avverte sulle proprie spalle la responsabilità di sostenere e difendere il diritto ad avere servizi efficienti sul territorio? È proprio in virtù della loro esperienza politica che i Sindaci di Ventimiglia Enrico Ioculano, di Bordighera Giacomo Pallanca, di Dolceacqua Fulvio Gazzola e di Camporosso Davide Gibelli auspicano che si possa mantenere un equilibrio nella distribuzione dei servizi e che dalla Regione si lavori ad una diversa e più equa ripartizione delle quote procapite sanitarie per avere le stesse opportunità del Levante e migliorare di conseguenza la qualità delle prestazioni pubbliche. 

I sindaci del nostro territorio non intendono mettersi in contrapposizione con quelli della valle imperiese, ma al contrario, proprio perché condividono le stesse preoccupazioni e le stesse istanze, desiderano iniziare un percorso di riflessione sulla necessità di garantire i servizi necessari sul territorio; non si può pensare di chiudere una struttura perché non eroga un servizio ottimale, la sfida da vincere è invece rendere efficiente la struttura stessa".

C.S.

Animus Loci:
tracce d'Europa nel cuore d'Italia

In diretta sul nostro quotidiano venerdì 25 maggio dalle ore 17. SCOPRI DI PIU'

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore