/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | venerdì 22 gennaio 2016, 18:19

Intitolazione del Centro Sociale di Diano Arentino: intervento del circolo dianese di Rifondazione Comunista

“Avremmo ritenuto più giusto e più democratico – termina Rifondazione - un momento di pubblico incontro con la popolazione per una consultazione, anche informale, nel corso della quale l'Amministrazione avrebbe avuto modo di meglio motivare la propria scelta”.

“La qualità di una Amministrazione Comunale si misura anche dal coinvolgimento dei propri concittadini nelle decisioni che rivestano interesse pubblico. Alla seduta straordinaria di Consiglio Comunale di ieri a Diano Arentino, per deliberare sull’unico punto all’ordine del giorno relativo all'intitolazione del Centro Sociale, la maggioranza ha deciso all’unanimità che tale struttura sarà dedicata alla figura di Aldo Trucco”.

Interviene in questo modo il Circolo Dianese del Partito della Rifondazione Comunista che prosegue: “Nonostante i consiglieri di minoranza, di concerto con l’ANPI Golfo Dianese ed altre associazioni, avessero proposto vari altri nomi, tra cui Francesco Camiglia, trucidato il 29 gennaio 1945 a Diano Arentino, Gerardo Cavallero, fucilato nei pressi della chiesa di San Sebastiano, Maria Musso Gorlero, arrestata senza nessuna colpa il 2 settembre 1944 e deportata nei campi di Bergen Belsen, Ravensbruk, Salzigitter, non vi è stato alcuno spazio per un confronto costruttivo. A nostro avviso non è stata data la dovuta priorità, da parte dell’Amministrazione, a valori imprescindibili e fondanti della nostra Repubblica”.

“Avremmo ritenuto più giusto e più democratico – termina Rifondazione - un momento di pubblico incontro con la popolazione per una consultazione, anche informale, nel corso della quale l'Amministrazione avrebbe avuto modo di meglio motivare la propria scelta”.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore