/ POLITICA

Spazio Annunci della tua città

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

Affitto bilocale con 3 posti letto, con bellissima e panoramica vista mare, al p.t. di casa indipendente con grande...

SPLENDIDA BORSA DA DONNA COCCODRILLO NERO ANNI SESSANTA ALTEZZA CM. 27 LARGHEZZA CM. 35 ALL INTERNO DUE SCOMPARTI...

LITOGRAFIA DEL PITTORE MICHELE CASCELLA "PIAZZA DI SPAGNA" 94/125 CM. 50 X 35 CON CORNICE

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | sabato 05 marzo 2016, 14:07

Imperia: Possibile, Comitato Felice Cascione interviene sul referendum del prossimo 17 aprile sulle trivelle

"Cercare le ultime quattro gocce di petrolio nel nostro Paese è un esercizio poco utile e dannoso. In primo luogo perché è poco, appunto. Se estraessimo tutto il petrolio e tutto il metano che si trova sul nostro territorio, questo basterebbe per coprire il fabbisogno energetico italiano per poco più di un anno."

Il referendum del prossimo 17 aprile è stato promosso da nove regioni italiane ed ha visto in prima linea molte realtà, tra cui Possibile.
"Il 17 Aprile - spiegano -  andremo a votare per abrogare la parte delll’articolo 6, comma 17 del decreto legislativo 152 del 2006, il cosiddetto codice dell’ambiente, il quale stabilisce che “ai fini di tutela dell'ambiente e dell'ecosistema, all'interno del perimetro delle aree marine e costiere a qualsiasi titolo protette per scopi di tutela ambientale, in virtù di leggi nazionali, regionali o in attuazione di atti e convenzioni internazionali sono vietate le attività di ricerca, di prospezione nonché di coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi in mare”.
"Il quesito propone di abrogare una frase dell’articolo che recita: “I titoli abilitativi già rilasciati sono fatti salvi per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale”, che permette di continuare a sfruttare il giacimento finché ci sarà gas o petrolio e non finché scadrà la concessione.

Il quesito referendario sarà così posto: “Volete che, quando scadranno le concessioni, vengano fermati i giacimenti in attività nelle acque territoriali italiane anche se c’è ancora gas o petrolio?”. Sono materia di referendum solo le trivellazioni già in atto entro le 12 miglia dalla costa.

Nel caso in cui vincesse il SÌ - proseguono - non sarà possibile continuare a sfruttare i giacimenti petroliferi dopo la scadenza delle concessioni entro le 12 miglia. Se vincerà il NO nessuna frase della legge verrà abrogata e tutto rimarrà uguale. Tutto ciò comunque esclude la terra ferra e le trivellazione oltre le 12 miglia nautiche. A seconda dell'esito daremo un forte segnale della nostra volontà di passare ad un sistema di approvvigionamento energetico rinnovabile.

Cercare le ultime quattro gocce di petrolio nel nostro Paese è un esercizio poco utile e dannoso. In primo luogo perché è poco, appunto. Se estraessimo tutto il petrolio e tutto il metano che si trova sul nostro territorio, questo basterebbe per coprire il fabbisogno energetico italiano per poco più di un anno."

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore