/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | giovedì 10 marzo 2016, 12:47

Imperia: l'opposizione ai decreti ingiuntivi Tradeco costa al Comune 168mila euro tra quest'anno e il prossimo

Il Comune per opporsi ha dato mandato all'avvocato Eutimio Monaco, lo stesso che si era occupato della rescissione del contratto con l'azienda pugliese

Il Comune di Imperia si oppone ai ricorsi presentati dai sindacati che curano la vicenda sui mancati pagamenti di arretrati, tfr e tredicesime degli ex dipendenti Tradeco. L'azienda pugliese, che in un primo tempo aveva accolto i ricorsi, si era poi opposta.

Il Comune si oppone dando mandato di seguire il procedimento all'avvocato Eutimio Monaco, lo stesso che si era occupato della vicenda relativa alla rescissione del contratto con Tradeco. 

Proprio attorno alla nomina del legale era nato un caso culminato con la condanna, da parte del giudice del Tribunale di Imperia Andrea Saccone, nei confronti del Comune, a risarcire i lavoratori. Nella sentenza il giudice aveva "bacchettato" il Comune che, "sebbene fosse a conoscenza del credito di lavoro del creditore precedente - i lavoratori ndr -, tuttavia ha preferito pagare altri creditori meno tutelati". 

Il riferimento è alla parcella da 240mila euro, iva compresa, dell'avvocato del Comune di Imperia Eutimio Monaco, il cui nome è stato associato alla Uno Communications, società di cui il Sindaco di Imperia Carlo Capacci è amministratore delegato.

Dopo la sentenza del Tribunale, Tradeco ha deciso di fare opposizione ai ricorsi. Il Comune, con una deliberazione di giunta dello scorso 28 gennaio ha così autorizzato il Sindaco, come rappresentante pro tempore di palazzo civico, a costituirsi in giudizio nei ricorsi in opposizione ai decreti ingiuntivi proposti da Tradeco al Tribunale del lavoro di Imperia, affidando l'incarico a Monaco il quale ha fatto pervenire al Comune una dichiarazione con la quale chiarisce che "non sussistono situazioni, anche potenziali, di conflitto di interessi che impediscano l'espletamento dell'incarico di patrocinio giudiziale, in qualità di difensore del Comune di Imperia, per l'assistenza e difesa in giudizio nei ricorsi proposti da Tradeco". 

Non esisterebbe, quindi, nessuna situazione di conflitto legata ai rapporti tra il legale, il Comune di Imperia, e la società di Capacci che, per un procedimento, si era affidata a Monaco nel 2010.

Il nuovo compenso al legale è stato determinato in 168mila euro, di cui 73mila nel capitolo di bilancio 2016 e 95mila nel bilancio 2017. 

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore