• Serie D, Ris. finale

    1 Savona

    79' Damiani

    0 Lavagnese

  • Serie D, Ris. finale

    1 Sanremese

    63' Gagliardi

    2 Finale

    6' Capra, 59' Roda
  • Serie D, Ris. finale

    0 Ghivizzano

    2 Argentina

    4' Compagno, 87' Lo Bosco
  • Promozione, Ris. finale

    1 Pallare

    12' Saviozzi

    1 Ceriale

    74' Conforti
  • Prima Categoria, Ris. Finale

    2 Altarese

    32' Rovere, 53' Brahi

    3 Pontelungo

    11' Tomao, 74' Badoino, 86 Tomao
 / POLITICA

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | martedì 09 febbraio 2016, 13:27

Imperia in fondo alla classifica per i costi della Tari: affondo del Consigliere comunale Giuseppe Fosssati

"Se l’obiettivo dell’Amministrazione è scalare ulteriormente la classifica dei Comuni più esosi d’Italia e distaccare per manifesta negatività gli altri Comuni della Liguria, credo vi siano concrete possibilità di farlo. Con buona pace del portafoglio dei cittadini".

"E’ di oggi la notizia che il Comune di Imperia è il peggiore della Liguria per costo pro capite della Tassa sui rifiuti ed è al decimo posto della classifica di Comuni con la Tari più alta. E’ di oggi anche la notizia che il Sindaco afferma che la percentuale di raccolta differenziata sarebbe oggi pari a circa il 40% e che, se tutto va bene, si potrebbe arrivare a circa il 45%. E’ di tutti i giorni la notizia, che i cittadini apprendono semplicemente uscendo di casa, che la città è sporca e trasandata, sebbene, occorre dirlo, almeno lo svuotamento dei cassonetti, in linea di massima, abbia raggiunto livelli di sufficienza rispetto alla gestione Tradeco. E’ di qualche mese fa la notizia che, in base ad una recente legge regionale, i Comuni che nel 2016 non raggiungeranno l’obiettivo di avere il 45% di riciclaggio di rifiuti, che si aggiunge al parametro del 65% di raccolta differenziata della legge nazionale, verrà applicata una  sanzione di € 25,00 a tonnellata di indifferenziata eccedente; costo che i Comune ovviamente scaricheranno sui cittadini, aumentando così ulteriormente il costo della Tari".

Lo evidenzia il Consigliere comunale di 'Imperia Riparte' Giuseppe Fossati, che prosegue: "Cosa si ricava da queste notizie? Che i cittadini imperiesi pagano una tassa molto alta, per avere servizi molto bassi ed è praticamente certo che il prossimo anno la Tari aumenterà ulteriormente, per coprire il costo della sanzione regionale per non aver centrato nel 2016 gli obiettivi di legge. Lo stesso Sindaco, infatti, in conferenza capigruppo ha candidamente ammesso che l’affidamento a Teknoservice, articolato in modo certamente inidoneo a centrare gli obiettivi di legge nazionale e regionale, è stato recentemente rinnovato per sei mesi e, alla scadenza, verrà nuovamente rinnovato per altri sei, ossia sino a fine 2016. Questo il risultato di tre anni di amministrazione Capacci. Niente male, credo che fare peggio sarebbe stato oggettivamente difficile".

"Certo - termina Fossati - se l’obiettivo dell’Amministrazione è scalare ulteriormente la classifica dei Comuni più esosi d’Italia e distaccare per manifesta negatività gli altri Comuni della Liguria, credo vi siano concrete possibilità di farlo. Con buona pace del portafoglio dei cittadini".

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore