/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | venerdì 22 gennaio 2016, 19:22

Imperia: i dissidenti di Imperia Cambia respingono le accuse di Capacci al mittente: "Non siamo stati noi a tradire lo spirito del gruppo"

"Non vogliamo staccare la spina all'amministrazione, anche se quanto dichiarato oggi dal Sindaco ci ha spiazzati"

Non ci sta a passare per traditore, Paolo Re, attuale Capogruppo di Imperia Cambia, sfiduciato nella tarda mattinata odierna dal Sindaco Carlo Capacci, durante una riunione a cui hanno partecipato tutti i consiglieri comunali di maggioranza. Tutti a parte Re e gli altri dissidenti: Natalia Riccò, Ester D'Agostino e Susanna Palma. Anche per loro sono arrivate parole di fuoco da parte del primo cittadino, rispedite al mittente da Re.

"Chi ha tradito lo spirito di Imperia Cambia non siamo noi - afferma - non ci riteniamo all'opposizione perché le nostre battaglie interne sono state da sempre propositive, a cominciare dalla problematica relativa alla contrattazione dei mutui, per la quale inizialmente ci hanno detto di tutto salvo poi fare esattamente quello che volevamo. Lo stesso sulle manutenzioni. E' da almeno un anno che chiediamo all'amministrazione di intervenire per quanto riguarda asfalti e rifacimenti delle strade, e a Capodanno il Sindaco ha annunciato di aver stanziato due milioni di euro".

I contrasti con Re e la maggioranza degli altri consiglieri di Imperia Cambia, sono cominciati tempo fa, ma solo ultimamente la frattura è diventata insanabile. "Ricordo però che in Consiglio abbiamo votato sempre secondo coscienza. Più volte anzi ho detto che  su pratiche importanti come il porto, la Sairo o la sostituzione della Tradeco l'amministrazione ha agito bene. Abbiamo sollevato dubbi sul piano della sosta e sulla ztl al Parasio, e meno male che l'abbiamo fatto, noi e il Capogruppo di Imperia Riparte Giuseppe Fossati perché altrimenti non ci sarebbe una commissione che sta valutando  le problematiche che coinvolgono tutte le categorie di cittadini.
La nostra volontà è quella di mantenere fede al bel programma di Imperia Cambia e rispettare il patto con i cittadini. Non capiamo la presa di posizione del Sindaco di oggi, visto che è da quando si è dimesso Savioli, non abbiamo più avuto rapporti con il primo cittadino, pur avendo sollecitato l'incontro. Credo che abbiamo manifestato pubblicamente alcune problematiche su pratiche della maggioranza. Se aver agito così lo ferisce credo non sia un problema nostro
".

Cosa farete adesso che il Sindaco vi ha scaricati?

 

"Convocherò una riunione del nostro gruppo alla quale auspico che parteciperemo tutti, per decidere il da farsi. Ripeto, non siamo all'opposizione, ma non siamo nemmeno degli 'yes man'. Non vogliamo staccare la spina all'amministrazione, anche se quanto dichiarato oggi dal Sindaco ci ha spiazzati. A oggi però ci riteniamo all'interno della maggioranza".

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore