/ POLITICA

Affari & Annunci

vecchi acquisto fino 1980 alta valutazione in particolare Topolino fino 1967 e Tex Zagor anni -50- `60 e vecchie riviste, mi reco ovunque. Sanremo

anziani signora con lunga esperienza automunita offresi sia lavoro fisso o ad ore. Sanremo

vecchi figurine anche se non completi privato cerca in acquisto fino al 1980 alta valutazione, mi reco ovunque. Sanremo

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | giovedì 18 febbraio 2016, 14:45

Imperia: Ast, esposto in Procura del CdA. Da un controllo interno discrepanze tra ricevute e incassi

Il sindaco Capacci e l’assessore Abbo: "Siamo certi che la magistratura farà chiarezza sull’accaduto e, una volta accertate le responsabilità, chiederemo alla società che prenda i dovuti provvedimenti nei confronti dei diretti responsabili”

Guido Abbo

Oggi il presidente del CdA e il presidente del Collegio Sindacale di Ast, Azienda Speciale Tributi, detenuta al 100% da Amat, si sono recati in Procura presentando un esposto denuncia per segnalare alcune irregolarità emerse durante l’attività di controllo delle scritture contabili.

Il CdA di Ast aveva avviato nei mesi scorsi una revisione completa della contabilità della società che ha purtroppo confermato alcune anomalie. In particolare sono stati riscontrati, negli anni 2013, 2014 e 2015 delle differenze tra l’importo complessivo delle ricevute emesse e i versamenti effettuati in cassa. Gli ammanchi rilevati ammontano a circa 14 mila euro. Inoltre sono emerse anche altre anomalie nella gestione della cassa, con un uso eccessivo del denaro contante. La relazione presentata in procura evidenzia altresì che non sono reperibili interi faldoni contenenti mesi di documentazione contabile.

Il CdA ha quindi informato immediatamente  la società Amat e il Comune, che con il 52% di Amat esercita attività di controllo su Ast, di quanto accaduto e dell’esposto presentato alla Procura della Repubblica di Imperia.

“Si tratta di episodi molto gravi: Ast è la società che gestisce la riscossione di alcuni tributi per conto del Comune  e il suo comportamento deve essere cristallino. Il CdA ha da subito preso i provvedimenti necessari modificando radicalmente le procedure interne in modo da evitare in futuro il ripetersi di situazioni analoghe. Siamo certi che la magistratura farà chiarezza sull’accaduto e, una volta accertate le responsabilità, chiederemo alla società che prenda i dovuti provvedimenti nei confronti dei diretti responsabili” – dicono il sindaco Carlo Capacci e l’assessore all’Amministrazione Finanziaria, Guido Abbo.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore