/ POLITICA

Spazio Annunci della tua città

Bellissimo Motore nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali Riscaldamento ...

Imbarcazione in ottimo stato, Coperta e pozzetto in teak-Falchetta e trincarni in mogano verniciato.Verricello...

In area vista mare, fornita di tutti i servizi necessari ad una vita sociale; due livelli fuori terra ed un piano...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | martedì 02 febbraio 2016, 16:36

Il Consigliere Regionale Giovanni Barbagallo boccia il Ddl 'Growht Act' promosso dalla giunta Toti

Era oggetto di discussione in data odierna presso l’aula consiliare della Regione Liguria.

"Il disegno di legge in questione, più che un testo avente forza di legge, come normalmente si auspicherebbe da un disegno di legge, appare non andare al di là di un semplice slogan le cui dichiarazioni di principio nonché i suoi obiettivi, evidenziati dall’articolo secondo, appaiono in parte condivisibili ma oggettivamente irrealizzabili".

Lo ha detto il Consilgiere regionale di opposizione, Giovanni Barbagallo, che prosegue: "Il Presidente Toti, elencando le numerose iniziative che vorrebbe intraprendere con questo atto, nulla dice in merito alle coperture finanziarie necessarie chiedendoci conseguentemente una fiducia 'in bianco' ed io, come il l’intero Partito Democratico, non è assolutamente disposto a concedere la fiducia senza la benché minima certezza che dal presente provvedimento possano derivare reali benefici a favore dei cittadini liguri. La fruibilità di detti benefici, meramente potenziali, viene inoltre messa in seria discussione dal semplice fatto che il Growht Act non possa essere considerato un provvedimento che favorisca i cittadini liguri se le misure in esso elencate non siano state oggetto, come è effettivamente accaduto, di concertazione con i sindacati".

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore