• Serie D, Ris. finale

    1 Savona

    79' Damiani

    0 Lavagnese

  • Serie D, Ris. finale

    1 Sanremese

    63' Gagliardi

    2 Finale

    6' Capra, 59' Roda
  • Serie D, Ris. finale

    0 Ghivizzano

    2 Argentina

    4' Compagno, 87' Lo Bosco
  • Promozione, Ris. finale

    1 Pallare

    12' Saviozzi

    1 Ceriale

    74' Conforti
  • Prima Categoria, Ris. Finale

    2 Altarese

    32' Rovere, 53' Brahi

    3 Pontelungo

    11' Tomao, 74' Badoino, 86 Tomao
 / POLITICA

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | venerdì 29 gennaio 2016, 19:55

Carlo Conti consigliere comunale di Sanremo per una sera: consegnata la targa 'Amico della città' (Foto e Video)

Il presentatore e direttore artistico del Festival ospite dell'assise comunale matuziana, premiato dal Presidente del Consiglio Il Grande e dal Sindaco Biancheri,

Carlo Conti ospite per una sera nel Consiglio Comunale di Sanremo. A pochi giorni dalla prossima edizione del Festival di Sanremo, l’istrionico presentatore ha abbandonato l’Ariston per spostarsi nel municipio della città dei fiori dove il sindaco Alberto Biancheri ed il presidente del consiglio comunale Alessandro Il Grande gli hanno consegnato la targa ‘Amico di Sanremo’. 

Ad aspettare Carlo Conti c’era un nutrito gruppo di fan che hanno assistito alla cerimonia dal pubblico mentre intorno al primo cittadino ed al presentatore si è scatenata la ressa dei fotografi. Siparietto curioso quando all’interno della hall di palazzo Bellevue Carlo Conti è stato fermato da un altro uomo di spettacolo, Cino Tortorella, conduttore televisivo di Ventimiglia ma soprattutto indimenticabile Mago Zurlì tra gli anni '50 e '70, ma non solo. Tra i due c’è stato un simpatico abbraccio ed una fraterna stretta di mano, qualche parola e poi il saluto.

A prendere parola per primo è stato Alessandro Il Grande che ha così motivato la decisione presa dal consiglio comunale matuziano: “...per l’amicizia e l’affetto che Carlo Conti ha dimostrato nei confronti della nostra città, non solo durante il Festival della Canzone Italiana ma anche durante le tante occasioni nel corso degli anni. Parlando di Sanremo non ha mai dimenticato di usare parole di apprezzamento sull’accoglienza e le bellezze e le peculiarità del nostro territorio”.

Il sindaco invece ha voluto ricordare il suo primo incontro con Conti: "Io ho avuto il piacere di conoscerlo durante la scorsa edizione del Festival. Quello che mi ha sorpreso di più di Carlo è, al di là dell’aspetto professionale, che è una persona di una sensibilità enorme e di una attenzione che mi ha colpito. La prima sera, il primo giorno del Festival, gli ho chiesto '...ma Carlo non sei un po’ agitato o preoccupato?' ... 'Preoccupato? Perché? Devo presentare dei cantanti. Preoccupato deve essere il chirurgo che deve operare a cuore aperto. Io sono serenissimo. Domani facciamo il nostro lavoro, sta tranquillo sindaco che tutto andrà bene'... Al di là dell’audience della scorsa edizione, grazie a lui ed alla Rai abbiamo avuto una promozione  straordinaria e di questo dobbiamo essere grati. - ha poi sottolineato Alberto Biancheri - Anche per questo motivo era doveroso porre un’attenzione maggiore con questa targa ad una persona che ha dichiarato 'Sanremo è la mia seconda casa'. Questa sera è tutta la città che ti dona questa targa per le parole che hai speso per la nostra città ma soprattutto per l’uomo che sei. Grazie Carlo".

Il presentatore toscano invece ha voluto ripercorrere alcuni dei ricordi che lo legano alla città dei fiori: “Sanremo si è intrecciata con la mia carriera. Mi ricordo una serata bellissima a Pian di Nave quando facevamo il 'Sanremo Estate' con una diretta e la sera dopo dovevamo registrare una puntata e invece è arrivata una tromba d’aria che ha fatto scappare tutti. Mi Ricordo ancora Gloria Gaynor che scappava con ancora i bigodini in testa sul lungomare di Sanremo, però siamo riusciti a fare la nostra diretta. Ricordo quando l’amministrazione comunale ci diede il Mercato dei Fiori ed avevamo fatto due puntate di '50 canzonissime', trasformandolo in un mega studio televisivo ed una mega discoteca". 

"Quando dico che Sanremo è la mia seconda casa è vero. Quando lo scorso anno sono salito per l’ennesima volta su quel palco mi sembrava di essere a casa e quindi è stato tutto più facile. - spiega Carlo Conti - Ora, visto che è la mia seconda casa non è che mi chiedono l’Imu? Quello che mi dispiace è di esserci capitato pochissime volte d’estate. Spero quanto prima di poter rosicchiare una settimana di vacanza anche d’estate. Facciamo un programma d’estate, così siamo a posto". 

"Quando uno pensa a Sanremo ed è un po’ quello che ho cercato di dire con le parole o le immagini, Sanremo non è soltanto fiori o il festival ma una cittadina meravigliosa dove si vive bene tutto l’anno anche per il mare, per il sole ed il meraviglioso sorriso che ti regalano i sanremesi quando giri per strada. Non l'ho notato solo io e quel sorriso non viene fatto di circostanza ai personaggi famosi ma viene fatto con il cuore a tutte le persone che vengono qui in vacanza. I sanremesi danno la stessa ospitalità a tutti" - aggiunge. 

"Grazie e spero di meritarmi ancora e sempre di più questa targa e la vostra amicizia. Io sono uno che di amici ne ha pochissimi tutti fiorentini peraltro, Pieraccioni Panariello e Panariello, Pieraccioni. Sono uno che non dà l’amicizia e ci pensa molto a dare l’amicizia. L’amicizia è una cosa  seria quella con la A maiuscola, ci sono tantissimi conoscenti ma di amici pochi. Il fatto di sentirmi amico e considerato amico è molto più importante nel mio lessico rispetto a quello di molti altri che reputano l’amicizia una cosa di secondo piano. Per me l’amicizia è una cosa importante e sono onorato che Sanremo mi reputi un amico. Spero di meritarmi questa amicizia e spero di  continuare negli anni a essere amico anche quando smetterò di fare questo mestiere anche da vecchietto verrò qui in vacanza. Grazie di questo affetto e dell’amicizia che mi avete dato… spero all’unanimità” - scherza Carlo Conti.

Federico Marchi e Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore