/ POLITICA

Spazio Annunci della tua città

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

monolocale ristrutturato nuovo piano terra senza balcone 3 posti letto 350 m dal mare comodo su tutti i servizi 399...

Abito da sposa tessuto originale ARMANI, modello ARMANI, realizzato da Vogue Sposa di Luciana De Stefano. Tessuto seta...

SANREMO, SPLENDIDA VISTA MARE. PRIVATO VENDE MONOLOCALE ARREDATO AL 7° PIANO DI UN BEL COMPLESSO IN OTTIME CONDIZIONI....

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | venerdì 19 febbraio 2016, 12:09

Alessandro Piana (Lega Nord) interviene sulla sicurezza: “Stop invasione: no ad altri arrivi di presunti profughi in Liguria”

Il capogruppo della Lega Nord in Regione Liguria, esprime contrarietà in merito alla decisione del governo di destinare ulteriori 600 arrivi sul territorio ligure.

"In Liguria abbiamo già raggiunto oltre 1.200 presenze di presunti profughi e sedicenti richiedenti asilo e non possiamo più permetterci di accogliere altri disperati. Non possiamo che essere contrari alla decisione presa dal governo Renzi di incrementare di ulteriori 30 mila unità la gestione dell'accoglienza su scala nazionale, circa 600 solo in Liguria di cui 300 a Genova e 300 nelle altre province".

Così interviene Alessandro Piana, capogruppo della Lega Nord in Regione Liguria, esprimendo contrarietà in merito all'accoglienza di ulteriori 600 profughi sul territorio ligure. "Siamo molto preoccupati per la situazione già in atto a livello regionale e in particolare nella zona di Ventimiglia per la presenza di un centro di accoglienza che, da struttura di emergenza temporanea, pare essersi trasformato in un ostello permanente con gravissime ricadute sul decoro urbano della città, sulla sicurezza dei residenti e sulle attività presenti in zona – dice Piana – dalle ultime notizie, è evidente che il centro di Ventimiglia sia ormai diventato una soluzione a 'tempo indeterminato' visto che non si parla di una sua chiusura, anzi si prospetta la possibilità che possa continuare ad accogliere folle di disperati difficilmente gestibili sul territorio intemelio e dell'intera provincia. Visto che il governo dimostra di essere totalmente sordo e cieco verso i reali problemi dei cittadini delle località interessate dalle invasioni di massa, auspico una presa di posizione forte da parte di tutti i sindaci perché stabiliscano ordinanze, a lungo termine, che limitino fino a stroncare i fenomeni degradanti come l'accattonaggio che minano pesantemente la sicurezza nei nostri Comuni".

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore