• Serie D, Ris. finale

    1 Savona

    79' Damiani

    0 Lavagnese

  • Serie D, Ris. finale

    1 Sanremese

    63' Gagliardi

    2 Finale

    6' Capra, 59' Roda
  • Serie D, Ris. finale

    0 Ghivizzano

    2 Argentina

    4' Compagno, 87' Lo Bosco
  • Promozione, Ris. finale

    1 Pallare

    12' Saviozzi

    1 Ceriale

    74' Conforti
  • Prima Categoria, Ris. Finale

    2 Altarese

    32' Rovere, 53' Brahi

    3 Pontelungo

    11' Tomao, 74' Badoino, 86 Tomao
 / FESTIVAL DI SANREMO

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

FESTIVAL DI SANREMO | giovedì 11 febbraio 2016, 13:10

#Sanremo2016: Rocco Hunt, il giovane rapper napoletano e il suo messaggio di felicità

“Sto vivendo tranquillamente questa magnifica esperienza". E per la serata delle cover interpreterà 'Tu vuoi fa l’americano' di Renato Carosone

“Incrociamo le dita e speriamo bene”. Rocco Hunt, il giovane rapper napoletano, esprime tutta la sua soddisfazione per il successo ottenuto dalla sua canzone ‘Wake up’. “Sto vivendo tranquillamente questa magnifica esperienza. Ed è stata una vera sorpresa il tweet del Cardinal Ravasi, dopo la mia esibizione. E' la prima volta che un cardinale mi twitta. Vuole dire che il mio messaggio è riuscito ad arrivare anche ai piani alti". Il vincitore del Festival di Sanremo 2014 nelle ‘Nuove proposte’ affronta questa esperienza con l’obbiettivo – dice - di cercare di svegliare le coscienze del nostro paese “Un giorno saremo felici spero che quel sogno non sia lontano". Parole tratte dal suo singolo, pubblicato il 10 febbraio 2016 subito dopo l'esibizione all'Ariston, progetto che anticiperà la riedizione di SignorHunt, prevista per il 4 marzo prossimo.




Ecco il testo di Wake up, la sua canzone in gara: 

In questi giorni ero un po’ triste, ed ho fumato un po’ di più.  
Mi sono fatto due risate con la politica in Tivvù.  
Cant’ nsiem’ a nuje... wake up guagliù  
Zumbe nsiem’ a nuje... wake up guagliù.  
Questa generazione non vi crede,  
Perché un futuro vero non si vede.  
Lo stato non ci sente, specialmente a noi del Sud.  
Un lavoro manca sempre, per fortuna abbiamo il groove.  
E anche se sto palazzo mo’ cade a pezzi a’ signor’ vo’ semp’ ‘e sold,  
E preghiamo ogni giorno sperando ca’ nun se esaurisce a pension’ do’ nonn’.  
Ogni giorno che abbiam perso forse non ritornerà,  
Ma in mezzo a tutto sto bordello sento un pezzo che mi fa’...  
Cant’ nsiem’ a nuje... wake up guagliù  
Zumbe nsiem’ a nuje... wake up guagliù.  
Questa generazione ha ancora sete, nonostante voi che c’illudete.  
Wake up guagliù, scetateve che l’aria è doce.  
Wake up guagliù, stu stato a nuje cia mise ncroce.  
Ed alzasse la mano chi non ha futuro  
Chi lavora sempre ma non sta sicuro.  
Wake up guagliù  
Wake up guagliù  
Voi parlate di futuro e intanto cade un’autostrada.  
E nei programmi il pomeriggio imbambolate quest’Italia.  
Cant’ nsiem’ a nuje... wake up guagliù  
Zumbe nsiem’ a nuje... wake up guagliù.  
Fin quando avremo voce canteremo,  
Chi lo fa in stanzetta e chi lo fa a Sanremo.  
Lo stipendio non arriva, tutti i mesi fa’ ritardo.  
Noi con la partita Iva, moriremo qua aspettando.  
E anche se sto paese mo cade a pezzi, o’ guvern’ vo’ semp’ e sold’  
E preghiamo ogni giorno sperando che per lavorare non amma ji o’ Nord.  
Wake up guagliù, scetateve che l’aria è doce.  
Wake up guagliù, stu stato a nuje cia mise ncroce.  
Ed alzasse la mano chi non ha futuro  
Chi lavora sempre ma non sta sicuro.  
Wake up guagliù, tutto il tempo che è passato non ritornerà più  
Wake up guagliù, se per caso mi addormento allora scitem’ tu’.  
Wake up guagliù  
Wake up guagliù  
Un giorno saremo felici, quel giorno io spero che non sia lontano,  
Non dimentico mai le radici, perché in questa terra c’è scritto chi siamo.  
E che futuro avremo noi, cresciuti senza direzione,  
Tutti dietro le tastiere, e mo’ chi a fa’ a rivoluzione.  
Wake up guagliù, scetateve che l’aria è doce.  
Wake up guagliù, stu stato a nuje cia mise ncroce.  
Ed alzasse la mano chi non ha futuro  
Chi lavora sempre ma non sta sicuro.  
Wake up guagliù, tutto il tempo che è passato non ritornerà più  
Wake up guagliù, se per caso mi addormento allora scitem’ tu’  
Wake up guagliù  
Wake up guagliù  
Sveglia  

A. Gu.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore