/ FESTIVAL DI SANREMO

Spazio Annunci della tua città

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Che tempo fa

Cerca nel web

FESTIVAL DI SANREMO | venerdì 12 febbraio 2016, 17:47

#Sanremo2016: Mahmood racconta il passaggio da un talent come Xfactor al #festival

"Avevo terminato Xfactor, mi alzavo alle 5 del mattino per lavorare nel bar di mio zio. E' stato un periodo di stand by, con tanto materiale, ma con nessuno a cui farlo sentire, esclusi gli amici".

Papà egiziano e mamma sarda, Mahmood ha passato il turno delle nuove proposte, ieri sera al Festival di Sanremo, con il brano Dimentica. “Ieri, quando sono salito sul palco, ho visto tutto bianco. Oggi l'ansia è già passata. Sono partito con i piedi per terra e continuerò a mettercela tutta. Per noi giovani è una grande possibilità di portare la nostra storia sul palco” esordisce il cantante.

Il brano di Mahmood ha una storia particolare "Dimentica parla di me, l'ho scritta un anno e mezzo fa mentre tornavo dalla metropolitana. Avevo terminato Xfactor, mi alzavo alle cinque del mattino per lavorare nel bar di mio zio e trascorrevo il pomeriggio per gli arrangiamenti. E' stato un periodo di stand by, con tanto materiale, ma con nessuno a cui farlo sentire, esclusi gli amici.

Ma cosa cambia dal palco di un talent a quello di Sanremo? “ Qui al Festival ho la possibilità di portare me stesso, in scena, al 100%, mentre a Xfactor la possibilità era parziale. Il problema dei talent è che vieni sovraesposto e alla fine del programma ci vuole del tempo per ristabilizzarsi. I talent ti danno la spinta, ma se cadi ti fai male. Devi avere tanta testa e voglia di fare”.

Quest'anno il Festival ha origine miste “si a partire da me, Ermal Meta, Michael Leonardi e altri. Lo trovo bello, perchè la musica non fa distinzione, siamo tutti una grande famiglia. Io la vivo tranquillamente, come un italiano puro. Con la mia famiglia ho un legame fortissimo” conclude Mahmood.


Simona Della Croce e Stefania Orengo

Animus Loci:
tracce d'Europa nel cuore d'Italia

In diretta sul nostro quotidiano venerdì 25 maggio dalle ore 17. SCOPRI DI PIU'

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore