• Serie D, Ris. finale

    1 Savona

    79' Damiani

    0 Lavagnese

  • Serie D, Ris. finale

    1 Sanremese

    63' Gagliardi

    2 Finale

    6' Capra, 59' Roda
  • Serie D, Ris. finale

    0 Ghivizzano

    2 Argentina

    4' Compagno, 87' Lo Bosco
  • Promozione, Ris. finale

    1 Pallare

    12' Saviozzi

    1 Ceriale

    74' Conforti
  • Prima Categoria, Ris. Finale

    2 Altarese

    32' Rovere, 53' Brahi

    3 Pontelungo

    11' Tomao, 74' Badoino, 86 Tomao
 / EVENTI

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

EVENTI | lunedì 01 febbraio 2016, 09:25

Ventimiglia: presentazione del libro del dott. Ozenda "Vita di Sant’Antonio Abate e il suo culto nell’ estremo Ponente Ligure”

Nell’ambito del ciclo di conferenze annuali organizzate dal Comitato Centro Storico, Sabato 6 Febbraio nella sala capitolare del monastero delle Suore dell’Orto in Ventimiglia Alta, alle 15.30, il dott. Gianluca Ozenda presenterà la sua ultima fatica letteraria: “Vita di Sant’Antonio Abate e il suo culto nell’ estremo Ponente Ligure”.

Gianluca Ozenda, da sempre impegnato in campo culturale e sociale, Maestro Campanaro, è un esperto demoetnoantropologo, infatti innumerevoli sono le sue pubblicazioni sulla storia dell’estremo ponente ligure: “Glori, l’anima di un borgo nella Valle argentina”, “Tra Cielo e Terra Campane e Campanili della Valle argentina”, “I cento anni del Comune di Triora”, “Santuari Mariani delle Valli Argentina e Armea”.

La pubblicazione dedicata Sant’Antonio Abate e al suo culto nell’estremo ponente ligure oltre la vita del santo riporta alcune leggende locali a lui dedicate, vengono inoltre descritte le principali chiese della provincia di Imperia che hanno questo santo quale protettore, Ventimiglia è trattata in particolare per quanto riguarda la leggenda che lega la città al Santo con un breve intervento di Sergio Pallanca.

Ingresso libero, la cittadinanza è cordialmente invitata.


Sergio Pallanca

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore