/ EVENTI

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

EVENTI | venerdì 08 gennaio 2016, 09:41

Un pittore milanese a Sanremo: sino a domani al Museo civico oltre 60 opere di Antonio Moretti

La mostra è promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Sanremo con la collaborazione dell’Archivio d’Arte Contemporanea dell’Università degli Studi di Genova e con il contributo del Casinò.

Termina domani “Antonio Moretti. Un pittore milanese a Sanremo”, la mostra che esplora i rapporti tra Sanremo e Milano dedicata a Moretti, artista milanese che ha vissuto nella Città dei Fiori fra gli anni Trenta e Cinquanta del Novecento.

L’esposizione, visitabile al Museo Civico di Palazzo Borea d’Olmo, ha riscosso grande interesse ed è stata realizzata grazie alla sensibile collezionista romana Nina D’Alonzo che ha messo a disposizione l'intera sua raccolta di opere di Moretti: più di 60 dipinti tra ritratti, paesaggi e nature morte, capaci di documentare il lavoro sanremese dell’artista tra il 1937 e il 1954. Le case, le piazze, i giardini, il mare e le colline diventano scenografie di una garbata narrazione dove figurette leggere, cagnolini e distinti signori donano vita e freschezza all’immagine della città. La Sanremo raffigurata da Moretti ha il fascino della natura rigogliosa, degli incantevoli spazi urbani e dell’atmosfera luminosa e mondana che la distingue da tante altre. Il curatore dell’esposizione, il prof. Leo Lecci, docente di storia dell'Arte all'Università di Genova, attraverso il catalogo ricostruisce la parabola artistica di Antonio Moretti fra Milano e Sanremo, inquadrandola nell'ambito delle vicende della cultura figurativa dei primi anni Cinquanta del Novecento. 

La mostra è promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Sanremo con la collaborazione dell’Archivio d’Arte Contemporanea dell’Università degli Studi di Genova e con il contributo del Casinò.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore