/ EVENTI

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

EVENTI | lunedì 28 marzo 2016, 07:21

Pasquetta 2016 in provincia di Imperia: ecco i luoghi tradizionali per la gita 'fuori porta' di oggi

Sanremo News ha voluto regalare ai lettori una fotografia dei luoghi della provincia di Imperia più gettonati per la gita di pasquetta.

San Romolo

Il giorno di Pasquetta da tradizione è quello dedicato alla più classica delle gite fuori porta. Grazie al tempo che si è dimostrato clemente, nella giornata di domani l'entroterra con i suoi laghi ed i suoi prati ospiterà moltissime persone a caccia di un angolo per fare festa o semplicemente per godersi un pic-nic all'aria aperta. Dopo il pranzo di Pasqua, la gita del Lunedì dell'Angelo rappresenta la prima di una lunga serie, dal 25 aprile al 1 maggio, che prosegue per tutta l'estate.

Sanremo News ha voluto regalare ai lettori una fotografia dei luoghi della provincia di Imperia più gettonati per la gita di pasquetta. In ambito sanremese la tradizione in questa giornata ha un solo grande luogo, il prato di San Romolo. In caso di bel tempo e temperature particolarmente miti, le spiagge rappresentano sicuramente un'altra valida opzione.

Spostandoci in valle Argentina invece, troviamo tre luoghi 'cardine'. In primis il laghetto delle noci a Molini di Triora. In una splendida radura lussureggiante si può trascorrere una giornata sotto gli alberi o sul praticello ai margini del torrente Argentina che riempie questa particolare conca. In alternativa, un po' meno conosciuti ed un po' più difficili da scovare sono i laghetti poco dopo carmo Langan, sempre a Molini. Un luogo caratteristico e solitamente prediletto dai locali e dai giovani. Non dimentichiamo anche la sconfinata distesa verde rappresentata dai prati piani, subito dopo Carpasio. Infine, ultimo ma non per importanza, il borgo delle streghe, Triora, comune in cima alla vallata e tra i più rinomati a livello internazionale per la sua storia che ancora oggi si può scoprire tra i carruggi.

Spostandoci invece nell'imperiese la pasquetta sui prati rappresenta ormai un appuntamento irrinunciabile per il popolo degli appassionati di picnic. In pineta, a Diano Castello, o sui laghi, a Lucinasco, a Lecchiore, o semplicemente sul prato di Cian Zerbo, a Pantasina.

Lucinasco sarà metà di gite, escursioni, picnic sui prati e non solo. Il Sindaco Domenico Abbo, nei giorni scorsi ha fatto appello al senso di responsabilità di chi deciderà di trascorrere la Pasquetta in riva al lago. "Il Parco giardino del laghetto di Santo Stefano - scrive l'amministrazione in una nota - è stato dotato di tre nuovi punti barbeque: chi non ne usufruisce dovrà dotarsi di propria strumentazione in quanto è assolutamente vietato accendere fuochi. Apposito regolamento comunale sanziona tale comportamento come altri segno di inciviltà e maleducazione (abbandonare l'immondizia  sui prati, tagliare le piante ecc.)". 

Pasquetta in pineta a Diano Castello:  l'evento corre su Facebook, creato da Gianni Peirano. La partenza è prevista per le 8.30 dalla spianata Borgo Peri a Imperia. Gli escursionisti, muniti di zaino con provviste, cammineranno tra Diano Castello, Serreta e Diano Marina per quattro ore con un dislivello intorno ai 350 metri su strada asfaltata e su sterrato. Si consiglia di indossare scarpe da trekking. La festa è organizzata dagli "Amici del Castello". L'apertura cucina è prevista per le 12 con una grande grigliata. Alle 15 merenda e ballo campestre con l'orchestra "Donatella Band".

Cambiando zona, tra le mete predilette dalle famiglie e i giovani che vivono tra Bordighera e la città di confine certamente al primo posto c’è Gouta e più precisamente il grande prato di Margheria dei Boschi sfruttato ogni anno da tantissimi come area pic-nic, per le classiche grigliate e, dato che lo spazio non manca, anche per improvvisare partite di calcio. C’è invece chi sceglie sempre la montagna ma preferisce posti più tranquilli e allora carica magari anche la tenda in macchina e punta verso Ciaixe o Negi (Perinaldo) nel prato accanto alla splendida chiesetta di San Bartolomeo dove si può godere di un panorama davvero mozzafiato.

Non manca chi alla montagna antepone il mare e si inoltra, pranzo al sacco, anche oltre confine trovando relax su qualche spiaggia come Les Sablettes della vicina Mentone. I più avventurosi infine si organizzano per sbarcare sulle meravigliose Isole Lerins situate di fronte a Cannes, una natura intatta e incontaminata ricca di storia e leggende.

Stefano Michero - Francesco Li Noce - Lorenzo Ballestra

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore