/ EVENTI

Che tempo fa

Cerca nel web

EVENTI | giovedì 14 gennaio 2016, 13:51

Sanremo: Mark Axelrod dalla California per parlare di Calvino, ad accompagnarlo, Giuseppe Conte

Axelrod e Conte hanno trascorso molto tempo insieme in California: è lì che è nata l'idea di un dialogo su Calvino, a entrambi molto caro

Da un lato un narratore vivacissimo, conversatore brillante e autore in proprio di romanzi sperimentali, un po' calviniani e un po' borgesiani. Dall'altro uno scrittore dal forte vigore lirico e metaforico, innovatore del pensiero poetico italiano ed europeo, di cui gli Oscar Mondadori ne hanno appena celebrato la potenza.

Sono il californiano Mark Axelrod - professore di letteratura comparata alla Chapman University dove dirige il John Fowles Center for creative writing - e il ligure Giuseppe Conte - autore di saggi, raccolte di poesia e romanzi tradotti in molte lingue - i due ospiti del nuovo appuntamento di sabato 16 gennaio dedicato a Italo Calvino in occasione del trentennale della scomparsa.

L'evento è organizzato al Museo civico di Palazzo Borea d'Olmo dall'Assessorato al Turismo, Cultura e Manifestazioni (inizio ore 17, ingresso libero).

Axelrod e Conte hanno trascorso molto tempo insieme in California: è lì che è nata l'idea di un dialogo su Calvino, a entrambi molto caro. In quest'affascinante conversazione, Conte racconterà le sue memorie calviniane e presenterà Axelrod, cultore appassionato della narrativa di Calvino.

Solcando le pagine di Se una notte d'inverno un viaggiatore, Axelrod ripercorrerà il suo rapporto con Calvino, dall'incontro "casuale" con la scrittura di uno dei più grandi autori della letteratura italiana del secondo Novecento all'ammirazione che ne è scaturita e che lo ha accompagna tutt'oggi.

Autore di saggi critici e di romanzi considerati come estremamente innovativi sulla scia di scrittori come Cervantes, Sterne, Borges tra i quali la trilogia composta da Cardboard Castles, Cloud Castles and Capital Clastles, Mark Axelrod intende offrire al pubblico sanremese una sua personalissima testimonianza di Calvino, per abbracciarne sì la scrittura con sguardo critico, allargandolo anche a quelle tematiche che muovono dall'autore verso il secolo che ha attraversato e interpretato, ma anche per favorire l'incontro tra lo spettatore e lo stesso Calvino, il cui lavoro continua a fornire spunti di riflessione.

"Abbiamo voluto riprendere le celebrazioni per il trentennale della scomparsa di Italo Calvino - commenta l'Assessore Daniela Cassini - con questo appuntamento di livello internazionale, che vede la partecipazione di due scrittori, Mark Axelrod e Giuseppe Conte, di chiara fama, riconosciuti quali profondi conoscitori dell’opera calviniana. Sarà l'occasione per sentire parlare di Calvino in modo assolutamente inedito".

 

Biografie

Mark Axelrod è professore di Letteratura comparata alla Chapman University (Orange, California) e direttore del John Fowles Center dove insegna scrittura creativa, con particolare attenzione alle short novels. In proprio, è autore di saggi critici, tra cui The Poetics of Novels: Fiction and Its Execution , Aspects of the Screenplay e The Politics of Style in the Fiction of Balzac, Beckett and Cortazar, e di romanzi considerati dalla critica come estremamente innovativi, sulla scia di autori come Cervantes, Sterne, Borges, tra i quali la trilogia composta da Cardboard Castles, Cloud Castles and Capital Clastles. E' cultore appassionato della narrativa di Calvino.

Giuseppe Conte (Imperia 1945), è autore di saggi, raccolte di poesia e romanzi. Ha svolto attività editoriale per molti anni e ha collaborato a importanti giornali e riviste. Ha partecipato da autore e in video a trasmissioni di RAI 2 e RAI 1. Sue opere sono tradotto in molte lingue e ha tenuto letture e conferenze in 33 paesi del mondo. Il suo ultimo romanzo è Il male veniva dal mare. Da poco è uscito un Oscar Mondadori con tutta la sua produzione poetica.. 

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore