/ CRONACA

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | mercoledì 03 febbraio 2016, 15:17

Ventimiglia: lotta dura allo spaccio di droga, due arresti in poche ore per i Carabinieri

Sono scattate le manette per un 29enne ventimigliese ed un 22enne tunisino. Brillante operazione dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile agli ordini del tenente De Tommaso.

Prosegue senza sosta l’azione di contrasto dei Carabinieri di Ventimiglia contro lo spaccio delle sostanze stupefacenti. Nelle scorse ore gli uomini del Nucleo Radiomobile della città di confine coordinati dal tenente Giovanni De Tommaso, hanno tratto in arresto due persone. La prima a finire in manette è stata D.C. 29enne di Ventimiglia che era finito sotto l’occhio dei militari che per diverso tempo l’hanno seguito.

Non c'è voluto molto prima che gli uomini della Benemerita sono arrivati ad un capanno sul fiume Roya in possesso del giovane e che questi utilizzava  per occultare dello stupefacente. E’ così che sono stati sequestrati 100 g di hashish e 70 g di marijuana, analoga sostanza è stata ritrovata ma per il quantitativo di mezzo chilogrammo nascosta all’interno di un armadio nell’appartamento del ragazzo. Dopo la perquisizione domiciliare il 29enne è stato portato in caserma per le formalità di rito. Stamani è stato portato in tribunale ad Imperia per l’udienza per direttissima dove è stato convalidato l’arresto. Il ventimigliese ha ottenuto gli arresti domiciliari fino al dibattimento. 

E’ finito in carcere invece un tunisino 22enne, W.H., con numerosi precedenti alle spalle collezionati soprattutto nella vicina Francia. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile l’avevano tenuto sotto controllo per via delle sue frequentazioni. Infatti i militari hanno accertato che lo straniero era solito incontrare alcuni tossicodipendenti della zona, sempre presso un vecchio rudere nella zona delle calandre. Dopo gli appostamenti gli uomini dell’Arma sono passati all’attività operativa trovando il 22enne in possesso di 3 grammi di eroina e circa 600 euro provento di cessione di stupefacente effettuata prima.

Al termine di una notte trascorsa presso la camera di sicurezza della caserma di Ventimiglia, stamani il 22enne è stato portato in tribunale ad Imperia. L’arresto del tunisino è stato convalidato ma i numerosi precedenti collezionati gli hanno fatto guadagnare una camera presso la casa circondariale del capoluogo. 

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore