/ CRONACA

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | mercoledì 02 marzo 2016, 09:01

Ventimiglia: farmaco dannoso per gli occhi e botte all'oculista, torna ad incatenarsi Vincenzo Mercurio

Sul posto è intervenuta la Polizia ed anche i servizi sociali, che ora sono a colloquio con Mercurio per cercare una soluzione. In pochi minuti lo hanno convinto e, verso le 9, l'uomo si è tolto le catene.

Si è nuovamente incatenato di fronte al Comune di Ventimiglia, il 51enne Vincenzo Mercurio, l’uomo che nel marzo del 2014 aveva picchiato un medico di 41 anni (cliccando QUI), all'interno del suo studio nel centro ospedaliero di Ventimiglia, in via Basso. Vincenzo Mercurio, era stato arrestato per lesioni aggravate ed ora torna d’attualità per lo stesso motivo.

Dopo le proteste del 20 ottobre scorsi, oggi Vincenzo Mercurio torna d’attualità perché si è nuovamente incatenato in via Roma, a pochi passi dal Comune. Secondo Mercurio, il 17 maggio 2012, in uno studio oftalmico di Arma di Taggia l'oculista responsabile avrebbe indebitamente autorizzato una persona non qualificata, ad esercitare abusivamente la professione di medico. Secondo l’uomo gli è stato somministrato un farmaco inappropriato, inutile, pericoloso e maldestramente utilizzato che sarebbe stato fatale, causandogli in pochi giorni la quasi totale cecità. L'oculista avrebbe timbrato e firmato i referti medici con relativa data e ora e minuti, ma durante la visita sarebbe stato tutto il tempo al telefono. Da quel momento è seguita una serie di visite ma al Mercurio manca una perizia che gli consenta di accedere ai risarcimenti dall’Inps. Secondo Mercurio dopo la prima visita, l’oculista lo avrebbe invitato a rivolgersi ad un ottico di Genova, che gli avrebbe prescritto delle lenti a contatto. Ma, al ritorno da Genova, ha fissato una visita da un altro medico, che ha evidenziato una trombosi dietro la retina. Mercurio si è rivolto a 4 avvocati, tra cui Giorgio Valfrè che ha fatto una richiesta di risarcimento danni.

Sul posto è intervenuta la Polizia ed anche i servizi sociali, che ora sono a colloquio con Mercurio per cercare una soluzione. In pochi minuti lo hanno convinto e, verso le 9, l'uomo si è tolto le catene. Gli agenti e gli assistenti sociali lo hanno accompagnato in Commissariato, dove verranno analizzate alcune soluzioni per l'uomo che, nelle ultime ore ha ricevuto anche l'ingiunzione di sfratto.

Lorenzo Ballestra

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore