/ CRONACA

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | martedì 01 marzo 2016, 12:04

Ventimiglia: dopo essere stato adescato su una chat, operaio 30enne subisce estorsioni per 50mila euro

La storia ha inizio nell'aprile del 2015, quando su una chat di incontri il ventimigliese conosce una donna sposata della zona, dell'età 33 anni con cui inizia una relazione clandestina.

Un operaio 30enne di Ventimiglia, provato psicologicamente per le minacce subite e per il grosso danno economico, si è presentato a fine gennaio agli uffici del commissariato di polizia denunciando il proprio aguzzino, che da luglio era arrivato ad estorcergli 50mila euro.

Protagonisti della vicenda sono tutti italiani, la storia ha inizio nell'aprile del 2015, quando su una chat di incontri il ventimigliese conosce una donna sposata della zona, dell'età 33 anni con cui inizia una relazione clandestina, che dura un paio di mesi, nei quali già la donna era riuscita a farsi prestare, per le sue difficoltà economiche, circa 5 mila euro. Al termine della relazione la vittima viene a conoscenza di un fantomatico cugino della donna  (in realtà ex amante di lei). Si tratta in realtà di un pregiudicato che, inquadrata la personalità dell'operaio, decide di iniziare a estorcergli dei soldi, anche grazie alla complicità della donna, per la quale l'uomo nutriva ancora dei sentimenti.

Movente dell'estorsione: una foto, che si è rivelata in seguito inesistente e che avrebbe ritratto l'operaio assieme alla donna, in atteggiamenti amorosi. Per evitare che tale prova finisse nelle mani del marito, il pregiudicato si è fatto consegnare mille euro, ma in poco tempo le richieste di denaro sotto minaccia si sono fatte sempre più pressanti e insistenti.

L'indagine meticolosa diretta dal dott. Saverio Aricó e condotta dagli agenti del commissariato ventimigliese, nell'arco di un mese, ha portato alla ricostruzione precisa dei fatti e l'estorsore, giá ai servizi sociali, é stato condotto in carcere in attesa del processo. La donna invece é stata indagata, in qualità di complice dell'estersore. Sono al vaglio le posizioni di altre persone vicine al pregiudicato, che nell'ultimo periodo avrebbero fornito una carta posetpay, per l'accreditamento del denaro.

Lorenzo Ballestra

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore