/ CRONACA

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | martedì 12 gennaio 2016, 16:35

Sanremo: tre extracomunitari alzano le mani su una donna in via Agosti, Matuzia Nostra "Non è concepibile!"

“Ma che razza di città sta diventando Sanremo? Per quanto tempo – dice Alessandro Condò - dovremmo ancora assistere a questo scempio prima che si faccia concretamente qualcosa? Noi abitanti del quartiere siamo stufi e indignati, la sicurezza dovrebbe essere un obbligo non un utopia!”

“E come volevasi dimostrare siamo alle solite. Ennesimo fatto increscioso di cronaca che ha avuto come teatro, tanto per cambiare, Via Pietro Agosti. Una nostra associata si è rivolta a noi affinché potessimo informare tutti di quanto accaduto”.

E’ quanto scrive Alessandro Condò di Matuzia Nostra, che prosegue: “Qualche giorno fa rincasando dal lavoro, intorno alle 17.45, la donna è stata avvicinata da tre extracomunitari nella parte centrale di Via Agosti. Dopo averla bloccata i tre delinquenti hanno iniziato ad importunarla prima verbalmente e poi alzandole le mani. La donna, riuscendo a rimanere tranquilla, ha reagito con lucidità alle provocazioni impedendo che la cosa degenerasse. Alla fine due di questi, le hanno chiesto dei soldi per essere lasciata in pace. A questo punto la malcapitata ha consegnato loro ciò che aveva nel portafoglio e, spaventatissima, ha potuto riprendere la strada strada di casa. Questa situazione non è più sostenibile. È la dimostrazione di come la totale consapevolezza di rimanere impuniti porti questi soggetti ad agire in pieno pomeriggio come se niente fosse”.

“Ma che razza di città sta diventando Sanremo? Per quanto tempo – termina Condò - dovremmo ancora assistere a questo scempio prima che si faccia concretamente qualcosa? Noi abitanti del quartiere siamo stufi e indignati, la sicurezza dovrebbe essere un obbligo non un utopia!”

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore