/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | lunedì 18 gennaio 2016, 20:15

Sanremo: rinviato a domani il rientro del peschereccio 'Mina', proseguono le trattative con le autorità francesi

Questo pomeriggio sembrava ormai formalizzato l’accordo con le autorità francesi, secondo il quale il proprietario dell’imbarcazione sarebbe potuto ripartire con il peschereccio, dopo il pagamento della cauzione.

Dovrà pagare una cauzione di 8.300 euro ma così facendo il peschereccio 'Mina', ma non sarà rilasciato entro la serata il peschereccio ‘Mina’ del comandante sanremese Ciro Lobasso.

Questo pomeriggio sembrava ormai formalizzato l’accordo con le autorità francesi, secondo il quale il proprietario dell’imbarcazione sarebbe potuto ripartire con il peschereccio, dopo il pagamento della cauzione. Il fermo era avvenuto mercoledì scorso, quando il natante è stato bloccato dalla Dogana francese con l'accusa di pescare il gambero in acque transalpine.

In questi giorni, dopo l'accaduto inoltre si sono inaspriti i toni tra Francia e Italia, in quanto i due Paesi non concordano sulla posizione del confine, alla base proprio del fermo. Stamani in tribunale c'è stata un'udienza per discutere del caso, dove il legale di Lobasso ha cercato di contrattare sulla cifra della cauzione, proponendo 4mila euro, con esito negativo. Il comandante della nave si è comunque impegnato a pagare il compenso richiesto.

Al momento, però, l’accordo non è stato formalizzato e, quindi, il rientro è stato rinviato almeno a domani, quando riprenderanno le trattative. Questo pomeriggio l’Ammiraglio Giovanni Pettorino ha confermato che, secondo i tracciati in possesso della Guardia Costiera italiana, il peschereccio sanremese stava pescando nelle acque del nostro paese.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore