/ CRONACA

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | martedì 22 marzo 2016, 09:01

Sanremo: ladri senza cuore, rubati 10 computer nuovi di zecca alla 'Dani Scaini' di strada San Martino

Molti dei Pc erano stati comprati con donazioni di associazioni e fondazioni e sarebbero anche serviti per bimbi portatori di handicap. Un danno da circa 7.000 euro.

Nuovo furto all’interno di un plesso scolastico di Sanremo. Dopo quello alla mensa di via Dante Alighieri, nell’ultimo weekend i ladri hanno messo a segno alla ‘Dani Scaini’ di strada San Martino, un colpo decisamente più importante e che mette in ginocchio il progetto del plesso scolastico, nell’ambito della digitalizzazione dei registri scolastici e delle informazioni ai genitori.

Sono stati rubati, sicuramente di notte e probabilmente tra domenica e ieri, 10 computer nuovi di zecca appena acquistati. La scuola, infatti, sta predisponendo l’organizzazione del lavoro con il ‘registro elettronico’ che viene proposto già alle scuole Medie, grazie al quale i docenti potranno garantire anche il collegamento dei genitori, per seguire l’andamento scolastico dei figli, attraverso computer e tablet, da casa.

E’ stata la responsabile del plesso scolastico, ieri mattina alle 7, ad accorgersi del furto. Non è escluso che i ladri fossero ben informati, visto che i computer erano appena arrivati. Sul posto è prontamente arrivata la Polizia e sono stati fatti i rilievi da parte del reparto scientifico, per scoprire eventuali impronte digitali. Verranno anche analizzate le immagini delle telecamere presenti nella zona, per cercare di individuare eventuali movimenti sospetti.

La preside ed i docenti del plesso scolastico sono sconsolati per il furto subito, un danno da circa 7/8mila euro, che sarà difficile da recuperare. Molti dei computer, infatti, sono stati acquistati grazie alle donazioni di alcune fondazioni ed associazioni locali e sarebbero anche serviti per l’istruzione di alunni, con handicap.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore