/ CRONACA

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | lunedì 22 febbraio 2016, 10:08

Sanremo: in 20 giorni di 'Street control' elevate oltre 1.000 contravvenzioni, la maggior parte sono divieti di sosta

In particolare in corso Garibaldi, corso Cavallotti e via Roma. Per i mezzi pescati senza assicurazione la Municipale ha inviato una serie di ‘inviti’ ai proprietari, che dovranno andare al Comando per esibire l’avvenuto pagamento del premio assicurativo.

E’ scattato il 3 febbraio a Sanremo l’utilizzo dello ‘Street control’, ad opera della Polizia Municipale e, poco dopo i 15 giorni dal via, i dati in possesso del Comando di Villa Margotta sono particolarmente ‘corposi’.

Si tratta infatti di circa 1.200 verbali elevati dal nuovo sistema di rilevazione adottato dagli agenti Municipali, anche se quelli relativi al mancato rinnovo dell’assicurazione, dovranno essere confermati dopo l’invito ai proprietari ad esibire il tagliando dell’avvenuto pagamento. Lo ‘Street control’, dopo alcuni giorni di test in giro per la città, è partito ufficialmente il 3 febbraio e, quindi, dopo circa 18 giorni di utilizzo ha sanzionato già centinaia di contravventori al divieto di sosta, la maggior parte dei quali nella classica ‘seconda fila, scovati dal sistema automatico di rilevamento, che viene posizionato sulla macchina di servizio che gira per Sanremo.

Le vie dove sono stati ‘pizzicati’ in maggior numero i veicoli in divieto sono: ovviamente corso Garibaldi, che era ed è tra le strade notoriamente più colpite dal parcheggio in doppia fila, ma anche corso Cavallotti e via Roma. In questo caso le multe arriveranno direttamente a casa.

Per quanto riguarda, invece, gli automobilisti scoperti con l’assicurazione scaduta, c’è ancora la speranza di un errore di aggiornamento degli archivi in possesso alla Municipale o anche il ritardo dei ’15 giorni’ dopo la scadenza della annualità, tempo in cui il mezzo è comunque coperto dalla Rc Auto. La Municipale ha inviato una serie di ‘inviti’ ai proprietari, che dovranno andare al Comando per esibire l’avvenuto pagamento del premio assicurativo.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore