/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | sabato 13 febbraio 2016, 07:21

Sanremo: già 200 firme sulla petizione che chiede di rivedere la posizione di Patrizia Lanzoni, licenziata in Comune

La raccolta di firme è scattata immediatamente e la risposta, seppur in alcuni casi un po’ ‘freddina’, si sta facendo sentire in tutta la città ed una lettera è pronta per essere consegnata al primo cittadino, nella quale viene chiesto che venga riconsiderato il provvedimento.

Ha raggiunto quota 200 firme in poche ore la petizione lanciata dal mondo della scuola e dei servizi educativi di Sanremo, che si sono mobilitati, dopo il licenziamento di Patrizia Lanzoni, funzionaria e coordinatrice degli asili nido di Sanremo, nell’ambito dell’inchiesta sui cosiddetti ‘furbetti del cartellino’.

La raccolta di firme è scattata immediatamente e la risposta, seppur in alcuni casi un po’ ‘freddina’, si sta facendo sentire in tutta la città ed una lettera è pronta per essere consegnata al primo cittadino, nella quale viene chiesto che venga riconsiderato il provvedimento nei confronti di Patrizia Lanzoni. E proprio in questa lettera al Sindaco, i promotori della petizione confidano molto. Potrebbe essere infatti il primo cittadino a firmare un contro-provvedimento ma, chiaramente, questo dovrebbe essere supportato da fatti oggettivi.

La raccolta di firme è stata promossa dai genitori dei bambini che frequentano e frequentavano i servizi della scuole cittadini. “Centinaia di bambini cresciuti nella nostra città – è scritto nella missiva – le loro famiglie, gli operatori in ambito socio-psicopedagogico (pubblici e privati) sono testimoni della competenza, della passione e della abnegazione con le quali la Dottoressa Lanzoni ha svolto il proprio ruolo per i nostri nidi d’infanzia e l’ampia costellazione di agenzie educative collegate”.

Nella lettera i genitori ed il mondo dell’infanzia matuziano non chiedono che vengano ignorate norme e regolamenti ma che, l’oggettività dei fatti venga interpretata, riconoscendo alla personal l’assoluta integrità degli intenti e quella generosa affidabilità dalla quale tutti, grandi e piccoli ma anche Amministrazioni di ogni orientamento politico ha tratto lustro e vantaggio. Al Sindaco i genitori chiedono: “Sapendola particolarmente sensibile ed attento alle esigenze educative della nostra città, confidiamo possa accogliere benevolmente la nostra richiesta”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore