/ CRONACA

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | lunedì 01 febbraio 2016, 12:49

Sanremo: esplode la villa dove soggiornava Gabriel Garko, muore 77enne. Un boato che ha sconvolto la quotidianità (FOTO e VIDEO)

Dolore e costernazione per quanto accaduto. Rimangono ancora diversi elementi da acclarare per comprendere questa tragedia.

Una tragedia quella avvenuta questa mattina in strada privata delle rose a Sanremo, dove alle 8.45, un boato ha sventrato una splendida villetta dove soggiornava Gabriel Garko, attore molto noto in città per affiancare Carlo Conti durante il prossimo Festival. La sua fortuna è stata di trovarsi al piano sottostante mentre l’esplosione sarebbe stata innescata dall’interno dal secondo piano dell’abitazione dove si trovava Maria Grazia Gugliermetti, di 77 anni. Non c’è stato niente da fare per l’anziana, madre del proprietario dell’immobile. E’ andata meglio a Garko e ad una ragazza del suo staff. 



La 77enne è stata trovata poco più tardi sotto le macerie dell’abitazione e purtroppo per lei non c’era più niente da fare. Il figlio ha ricevuto la conferma dai Carabinieri che hanno dimostrato grande vicinanza nei confronti dell’uomo. Sul suo volto una maschera di dolore per la tragedia e la grave perdita subita. Comprensione è stata espressa anche dal sindaco Alberto Biancheri che appresa la notizia aveva immediatamente abbandonato alcuni impegni ad Imperia per fare rotta verso la sua città e raggiungere il luogo della tragedia. 





I vicini per diverse ore sono rimasti davanti alle macerie dell’abitazione. Nei loro sguardi la chiara difficoltà ad accettare quanto successo. I loro racconti sono stati tutti simili, un boato che ha rotto la quotidianità e poi la corsa a vedere che cosa fosse accaduto. Questa giornata se la porteranno sempre con loro. Per comprendere quanto sia stata violenta l’onda dura generata dall’esplosione si può guardare il pesante cancello in ferro battuto che sigillava la villa. Questa impressionante struttura è stata scaraventata ad alcuni metri distanza così come altre suppellettili, come mobili da giardino e infissi. Non è difficile immaginare che le persone trovatesi di fronte a questa scena, abbiano subito ripensato alla tragedia di Arnasco (in provincia di Savona il 15 gennaio QUI)

L’immediato intervento dei Vigili del Fuoco ha evitato che la situazione potenzialmente pericolosa potesse generare ulteriori conseguenze. Sono state rapidamente spente le fiamme che ancora cingevano alcuni angoli dell’abitazione e sono state eliminate le strutture d’arredo pericolanti. Nel frattempo il personale sanitario del 118 insieme al personale di Ospedaletti Emergenza si è preso cura del ferito. L’attore se l’è cavata con alcune ferite ad un braccio ed ora si troverebbe in un albergo della città dei fiori in forte stato di choc per l’accaduto. Garko è stato portato via dalla villa quasi subito mentre l’altra giovane appartenente al suo entourage è rimasta sul luogo dell’accaduto. Visibile sul suo volto la comprensibile paura per quanto vissuto. Garko ha lasciato il pronto soccorso dopo alcune ore lontano dagli sguardi dei molti fotografi e giornalisti che speravano di poterlo fotografare.



Le prossime ore saranno determinanti per capire come la Procura della Repubblica voglia agire. Stamani i procuratori Barbara Bresci e Maria Grazia Pradella hanno effettuato un minuzioso sopralluogo insieme ai Vigili del Fuoco che hanno fornito elementi importanti per iniziare a comprendere quanto successo. Saranno determinanti sicuramente i racconti di Garko e della ragazza del suo staff che potranno fornire elementi utili sull'accaduto.

Intervista al Procuratore Maria Grazia Pradella




Intervista al capitano dei Carabinieri di Sanremo Paolo De Alescandris




Intervista al comandante provinciale dei Vigili del Fuoco Leonardo Bruni

La pista più accreditata al momento rimane quella della fuga di gas. Un ambiente saturo e qualcosa che ha causato l’innesco, con le conseguenze adesso note. La casa rimarrà inagibile e sono stati subito avviati gli accertamenti tecnici che comporranno il fascicolo di indagine sull’accaduto. Non a caso bisogna far luce sull’esatta dinamica degli eventi che hanno portato alla morte di questa anziana. Alle ore 11.40 il corpo della 77enne è stato portato via dai necrofori ed ora sarà sottoposto ad autopsia. 

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore