• Serie D, Ris. finale

    1 Savona

    79' Damiani

    0 Lavagnese

  • Serie D, Ris. finale

    1 Sanremese

    63' Gagliardi

    2 Finale

    6' Capra, 59' Roda
  • Serie D, Ris. finale

    0 Ghivizzano

    2 Argentina

    4' Compagno, 87' Lo Bosco
  • Promozione, Ris. finale

    1 Pallare

    12' Saviozzi

    1 Ceriale

    74' Conforti
  • Prima Categoria, Ris. Finale

    2 Altarese

    32' Rovere, 53' Brahi

    3 Pontelungo

    11' Tomao, 74' Badoino, 86 Tomao
 / CRONACA

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | venerdì 26 febbraio 2016, 07:41

Sanremo: caso parcheggio Quick-Area 24, l'ex amministratore unico Russo considerato parzialmente responsabile

Tullio Russo ex amministratore unico di Area 24 è stato condannato dal tribunale di Genova al pagamento di quasi 400mila euro.

Tullio Russo ex amministratore unico di Area 24 è stato condannato dal tribunale di Genova al pagamento di quasi 400mila euro. Come scrivono La Stampa ed Il Secolo XIX, la causa faceva riferimento all’annosa questione relativa al parcheggio del lungomare Calvino-piazzale Dapporto a Sanremo ed a quanto accadde con la società Quick No Problem Parking.

I problemi nacquero quando la giunta Zoccarato decise per o sfratto della società che gestiva i parcheggi a lato della pista ciclabile. A sua volta la Quick se la prese con Area 24 chiedendo risarcimenti per il mancato affidamento del servizio parcheggi, per le spese sostenute per le attrezzature e e per il subentro nel contratto di leasing. Il CDA subentrato dopo, aveva intentato causa contro Russo perché aveva inserito nel bando di gestione dei posteggi anche quello lato mare nella zona dell’ex stazione nonostante ne disponesse solo a titolo precario, di non aver inserito alcuna clausola di salvaguardia nel contratto e di aver consegnato le aree alla società prima della stipula del contratto.

Secondo il tribunale la responsabilità di Russo si trova soltanto nella sua decisione di aver dato l’area alla Quick senza che fossero adottate misure atte ad evitare l’esposizione di Area 24 a richieste di danni, considerando la situazione precaria.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore