/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. saranno disponibili a partire dal 70° giorno (intorno al 20...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | sabato 12 marzo 2016, 15:42

Sanremo: all'interno di Villa Helios, ricercato algerino arrestato dai Carabinieri matuziani

L'uomo è risultato destinatario di un Ordine di Carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Gorizia per il reato di danneggiamento aggravato commesso all’interno del C.I.E. di Gradisca d’Isonzo nel 2011

Villa Helios: un tempo era una rinomata clinica direttamente sul mare nella zona di Pian di Poma a Sanremo, oggi purtroppo ricettacolo di soggetti senza fissa dimora nonché cittadini extra-comunitari dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti.

E’ qui che nella giornata di ieri i militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Sanremo, nel corso di servizio di controllo del territorio, hanno rintracciato B.M.T., algerino, classe 1964, “vecchia conoscenza” degli operanti poiché gravato da una nutrita serie di precedenti penali e di polizia. Condotto in caserma, l’uomo, irregolare sul territorio nazionale, è stato sottoposto ad accertamenti dattiloscopici ed è risultato destinatario di un Ordine di Carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Gorizia – Ufficio Esecuzioni Penali – per il reato di danneggiamento aggravato commesso all’interno del C.I.E. di Gradisca d’Isonzo (GO) nel 2011. Per lo straniero è dunque scattato l’arresto e la successiva traduzione presso la Casa Circondariale di Sanremo ove dovrà scontare la pena di 4 mesi di reclusione.

Oltre a pagare il suo vecchio debito con la giustizia, l'uomo è stato deferito all’Autorità Giudiziaria anche per la detenzione illecita di un flacone di metadone che nascondeva tra i sui effetti personali. 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore