/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | sabato 13 febbraio 2016, 07:31

Promette di guarirle il cane con la magia bianca: i Carabinieri di Vallecrosia denunciano un’ecuadoregna per truffa

La donna, proprietaria di un bastardino gravemente malato, aveva raccontato che agli inizi del mese di dicembre 2015 aveva conosciuto l’indagata in quanto badante di un’amica.

Ieri i Carabinieri di Vallecrosia, a conclusione di un’attività d’indagine, hanno denunciato in stato di libertà una badante 40 enne, residente a Ventimiglia, di nazionalità ecuadoregna. I fatti risalgono al mese di gennaio 2016, quando una donna 46 enne di Ventimiglia, si era rivolta ai Carabinieri di Via Angeli Custodi, in quanto vittima di un raggiro.

La donna, proprietaria di un bastardino gravemente malato, aveva raccontato che agli inizi del mese di dicembre 2015 aveva conosciuto l’indagata in quanto badante di un’amica. L’ecuadoregna era entrata subito in confidenza con la vittima che le aveva confidato di essere disperata in quanto il proprio cane aveva una grave malattia per la quale soffriva molto e a causa della quale non c’era speranza di salvarlo. La badante, approfittando dello stato di sconforto della donna, le aveva raccontato della possibilità di incaricare una sua amica “maga”, residente in  Ecuador, in grado di guarire il cane a distanza con la magia bianca, riferendole che con la stessa pratica aveva già risolto e salvato molti animali. Insistendo che la cosa avrebbe funzionato aveva convinto la vittima a consegnarle in diverse occasioni 1600 euro.

Malgrado i versamenti però, le condizioni del cane non erano migliorate. A questo punto  decideva di contattare nuovamente la badante per informarla dell’inefficacia della “cura”, ma per tutta risposta la donna, dopo aver preso tempo, le richiedeva, adducendo giustificazioni vaghe, altri 3000 euro. A questo punto, anche grazie all’intervento del marito, la povera signora, accortasi del raggiro, si era rivolta alla Stazione di Vallecrosia dove sporgeva denuncia.

E così i militari del M.llo Carcangiu sono riusciti a mettere fine ad un vero incubo che avrebbe sicuramente portato la donna a versare ulteriori somme di denaro. Dagli accertamenti è stata identificata una donna ecuadoregna, incensurata, regolare sul territorio nazionale, già in Italia da diversi anni dove lavora come badante. E’ stata denunciata per truffa.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore