/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

monolocale ristrutturato nuovo piano terra senza balcone 3 posti letto 350 m dal mare comodo su tutti i servizi 399...

Abito da sposa tessuto originale ARMANI, modello ARMANI, realizzato da Vogue Sposa di Luciana De Stefano. Tessuto seta...

SANREMO, SPLENDIDA VISTA MARE. PRIVATO VENDE MONOLOCALE ARREDATO AL 7° PIANO DI UN BEL COMPLESSO IN OTTIME CONDIZIONI....

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | martedì 15 marzo 2016, 15:09

Processo per omicidio colposo ai Sindaci Vincenzo Genduso e Franco Nuvoloni: il Pm chiede l'assoluzione per entrambi

Il Pm Francesca Scarlatti ha richiesto l'assoluzione per il Sindaco di Taggia Vincenzo Genduso e per l'ex Sindaco di Riva Ligure Franco Nuvoloni, imputati, insieme ai comandanti della Polizia municipale dei due comuni Enrico Borgoglio e Giuseppe Marsiglia, e al camionista Fabio Diurno, di omicidio colposo per la morte del floricoltore sanremese Angelo Galloni

Il Pm Francesca Scarlatti ha richiesto l'assoluzione per il Sindaco di Taggia Vincenzo Genduso e per l'ex Sindaco di Riva Ligure Franco Nuvoloni, imputati, insieme ai comandanti della Polizia municipale dei due comuni Enrico Borgoglio e Giuseppe Marsiglia, e al camionista Fabio Diurno, di omicidio colposo per la morte del floricoltore sanremese Angelo Galloni, causata da un incidente stradale nel giugno 2012, nella via Aurelia nel tratto compreso tra Arma e Riva Ligure.

Galloni era a bordo di uno scooter che si era schiantato contro il camion della ditta guidato da Fabio Diurno, autore di una manovra che avrebbe provocato il tragico sinistro.

A finire nel mirino della magistratura, i comuni e i comandanti delle due forze di Polizia per una mancata segnaletica orizzontale e verticale che, secondo quanto sostengono gli avvocati difensori, Alessandro Mager, Mauro Gradi del Foro di Genova, e Bruno Di Giovanni, spetta all'Anas. Di Giovanni, inoltre, ha sostenuto la tesi secondo la quale a provocare l'incidente sarebbe stato il povero Galloni, mentre nel processo civile le responsabilità sono state riconosciute al 50% tra la vittima e Diurno.

Il Pubblico Ministero ha richiesto le condanne per Diurno a due anni e quattro mesi, un anno e sei mesi per Marsiglia e un anno e due mesi per Borgoglio. Il processo, davanti al giudice monocratico Maria Grazia Leopardi, è stato aggiornato al 1 aprile per le repliche del Pm e dei legali. 

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore