/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

CRONACA | venerdì 19 febbraio 2016, 19:41

Peschereccio di Imperia sorpreso in attività di pesca illegale nel savonese: sanzionato con oltre 2 mila euro di multa

La Motovedetta CP 545 ha sorpreso, nel corso della sua attività, un peschereccio intento a pescare in modo occulto, senza aver attivato i previsti sistemi di radio localizzazione obbligatori per legge.

Continuano le attività di controllo da parte della  guardia costiera di Loano-Albengavolti alla prevenzione della commissione di illeciti in mare e per la tutela e sicurezza nello stesso.

L'attenzione la notte scorsa è stata rivolta al contrasto alla pesca illegale a strascico. La Motovedetta CP 545  ha sorpreso, nel corso della sua attività, un peschereccio intento a pescare in modo occulto, senza aver attivato i previsti sistemi di radio localizzazione obbligatori per legge.

Questi sistemi, nati per tutelare la sicurezza della gente di mare, talvolta vengono disattivati dagli stessi pescatori per evitare di essere "visti" dalle sale operative delle Capitanerie di Porto e operare in zone vietate . Il peschereccio sanzionato, proveniente dal porto di Imperia, ha effettuato ripetute cale nel mare antistante i comuni di Albenga, Ceriale, Borghetto e Loano.

La sanzione, per oltre 2000 euro (ma che puó arrivare a oltre i 6000), si inserisce nell'intensa attività di vigilanza che la Guardia Costiera ligure ha attuato nel mare della regione sotto il coordinamento del CCAP (Centro Controllo Area Pesca) della Direzione marittima con sede c/o la Capitaneria di Genova. (il Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera è l'Organo di elezione in tema di tutela dell'ecosistema marino e di controllo della pesca-NDR)

Nel ponente savonese si ricordano, negli ultime 18 mesi, 3 casi di pescherecci colpiti da sanzioni per oltre 4000 euro e il sequestro del pescato e degli attrezzi per aver pescato o "sottocosta" sulla posidonia o con attrezzi con maglie non regolamentari che non consento al novellame di sfuggire alla cattura.

In uno di questi casi, inoltre, fu contestata in aggiunta anche la navigazione con gli apparati di radionavigazione disattivati.

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore