/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | mercoledì 13 gennaio 2016, 19:17

'Mina', peschereccio di Sanremo fermato dalle autorità francesi al confine mentre stava pescando gamberi in profondità

L'imbarcazione viene scortata in queste ore verso il porto di Nizza. Al comando del peschereccio Ciro Lobasso con alcuni uomini di equipaggio. Lo stesso peschereccio venne bloccato, il 23 gennaio del 2001, nuovamente dalle autorità francesi, quando al comando c’era Giovanni Lobasso, padre di Ciro, mentre stava pescando i gamberi a tre miglia da Cap Martin.

Il peschereccio 'Mina'

Un peschereccio di stanza al porto di Sanremo è stato bloccato dalle autorità portuali francesi, nella zona a ridosso del confine tra Ventimiglia e Nizza, forse per aver sconfinato durante la pesca del gambero in profondità.

Il condizionale è d’obbligo in questi casi, visto che al momento non vi sono notizie ufficiali in merito. L’imbarcazione è stata avvicinata dalle autorità transalpine a circa 4/5 miglia di distanza dalla costa e scortata verso il porto di Nizza, dove sta arrivando in queste ore. L’imbarcazione stava svolgendo la pesca al gambero, in una zona dove la profondità arriva a circa 3.000 metri. Si tratta del peschereccio ‘Mina’, al cui comando c’è Ciro Lobasso, noto pescatore di Sanremo. Non si sa, al momento, quante persone vi siano a bordo del peschereccio. Il caso viene tenuto sotto osservazione anche dalla Guardia Costiera di Sanremo. 

Lo stesso peschereccio venne bloccato, il 23 gennaio del 2001, nuovamente dalle autorità francesi, quando al comando c’era Giovanni Lobasso, padre di Ciro, mentre stava pescando i gamberi a tre miglia da Cap Martin.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore