/ CRONACA

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | giovedì 24 marzo 2016, 12:25

Mentone: lotta al 'Punteruolo rosso', il Comune scende in campo per aiutare i privati ma potranno anche arrivare multe

Molti gli incontri informativi del Comune, ma sono ancora tante le palme infette. Se i privati non interverranno lo farà la municipalità, ma i costi saranno a carico dei privati. E sono anche previste sanzioni fino a 30mila euro.

Per fermare l'invasione del ‘Punteruolo rosso’ a Mentone, il Comune della cittadina al confine con Ventimiglia, si offre per aiutare i proprietari delle palme colpite per i servizi igienico-sanitari necessari e per l’abbattimento e la rimozione delle piante malate.

Originario delle isole dell'Indonesia e presente in Costa Azzurra dal 2008, il Punteruolo Rosso è apparso a Mentone nel 2013. Decine le palme ‘decapitate’ o abbattute perché troppo malate. Il ‘Punteruolo’ è un parassita altamente mobile, dal momento che può viaggiare fino a sette chilometri in un volo, e che la femmina può deporre fino a 700 uova. Le larve si nutrono della palma, distruggendo il sistema vascolare e causandone la morte.

Per tre anni il Comune di Mentone ha moltiplicato incontri pubblici e campagne di informazione con i documenti dedicati, per educare i proprietari. La prevenzione è infatti essenziale perché l'infezione si diffonde molto rapidamente. Il monitoraggio costante è quindi necessario ed è anche un obbligo per legge. Gestito dalle autorità locali con il supporto del servizio regionale, prevede sanzioni fino a trentamila euro di multa e sei mesi di reclusione per i proprietari che non trattano un albero infetto sulla loro terra. Secondo quanto appreso, però, per il Comune la Legge non sembra sufficiente. Una situazione che incide sull'efficacia della lotta al ‘Punteruolo’. I trattamenti alle palme in città hanno consentito, al momento, di salvarne circa 500 e, solo il 30% delle piante presenti a Mentone, soffrono dell’attacco dei parassiti.

Vista la situazione il comune ha deciso di proporre a privati di svolgere al loro posto le operazioni di trattamento sulla loro terra. E, naturalmente, i costi verranno pagati attraverso un contratto annuale firmato dalle parti. In pratica i privati dovranno pagare al Comune 216 euro al mese per i trattamenti preventivi, 588 euro per una palma infetta, 1680 euro per abbatterla. L’ammenda, in caso di trattamento non possibile sarà di 30mila euro.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore