/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | venerdì 26 febbraio 2016, 20:03

Imperia: truffatore seriale fermato dai Carabinieri, era arrivato in provincia di Imperia per mettere a segno una serie di colpi

Gli è andata male, grazie all'allarme lanciato da un dipendente delle Poste di San Bartolomeo al Mare ed all'intervento di Carabinieri e Polizia Postale.

Trasferta andata male al 54enne  .G., originario della provincia di Napoli che, nel tentativo di mettere a segno la sua specialità, la truffa, stamattina si è spinto a circa mille chilometri di distanza dal luogo di origine, e da dove un provvediemto emesso a seguito di ulteriori episodi di truffe consumate a fine gennaio in provincia di Firenze, lo obbligava a rimanere.

Sicuramente quando è partito non si aspettava l’epilogo odierno, ma che qualcosa non era come aveva immaginato avrebbe potuto capirlo subito. Infatti già alle 10 quando è entrato nel primo ufficio postale, quello di San Bartolomeo al Mare per attuare la prima truffa, consistente nell’incassare rimborsi emessi dall’agenzia delle entrate nei confronti di cittadini di comuni della provincia di Avellino, su dichiarazioni dei redditi, il cassiere insospettitosi lo ha costretto alla fuga abbandonando la carta d’identità risultata poi falsa e documenti attestanti il credito, il tutto recuperato dai Carabinieri di Diano marina.

Nonostante l’insuccesso iniziale il truffatore, non di primo pelo poiché risultato gravato da una lunga serie di precedenti analoghi, ha continuato nel suo disegno criminoso spostandosi da un ufficio postale all’altro, e riuscendo in alcuni casi a consumare la truffa ed incassare il rimborso. Le forze dell’ordine, alla notizia di quanto stava accadendo si sono messi alla ricerca, agevolati anche dalle segnalazioni che provenivano da singoli impiegati degli uffici postali sui numeri di pronto intervento di Carabinieri e Polizia. Alle 13 circa, quando l’uomo entra nell’ufficio postale di Dolcedo, pensava di passare inosservato, non sapendo che la sua fama l’aveva preceduto, e non appena l’impiegata l’ha visto, insospettita dalla provenienza (risultata poi falsa così come il documento su cui era trascritta).

Ha subito allertato il vigile urbano presente in piazza che fermava l’uomo, richiedendo il supporto dei carabinieri della stazione del maresciallo Bertolino. I militari, già attivati per le ricerche, si sono portati presso l’ufficio postale giungendo insieme alla Polizia Postale. L’uomo, portato presso gli uffici dell’Arma, è stato identificato, mentre nell’attesa di ricevere dati certi sull’identità crescevano le notizie di truffe tentate e consumate. Dieci in tutto gli episodi di cui 5 andati in porto per un vantaggio economico di circa 2.500 euro. L’uomo è stato sottoposto a fermo per truffa continuata e ricettazione in relazione ai falsi documenti in possesso.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore