• Serie D, Ris. finale

    1 Savona

    79' Damiani

    0 Lavagnese

  • Serie D, Ris. finale

    1 Sanremese

    63' Gagliardi

    2 Finale

    6' Capra, 59' Roda
  • Serie D, Ris. finale

    0 Ghivizzano

    2 Argentina

    4' Compagno, 87' Lo Bosco
  • Promozione, Ris. finale

    1 Pallare

    12' Saviozzi

    1 Ceriale

    74' Conforti
  • Prima Categoria, Ris. Finale

    2 Altarese

    32' Rovere, 53' Brahi

    3 Pontelungo

    11' Tomao, 74' Badoino, 86 Tomao
 / CRONACA

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | venerdì 26 febbraio 2016, 18:09

Imperia: rissa al locale I Sognatori. "Confronto all'americana" per i due indagati. La vittima ne riconosce solo uno

Bekker ha riconosciuto Adriatik Sulkja, ma non il fratello. Ora il Pm Alessandro Bogliolo è pronto a chiudere le indagini preliminari e richiedere il rinvio a giudizio, probabilmente per entrambi gli albanesi che si trovano attualmente agli arresti domiciliari

Si è tenuto questa mattina l'incidente probatorio davanti al Gip Massimiliano Botti, per la rissa avvenuta nei mesi scorsi al locale I Sognatori a Borgo Foce.

Per l'episodio, che comprende anche una rapina di un cellulare e denaro ai danni di uno skipper sudafricano, Derryl Bekker, quest'ultimo, questa mattina è stato sottoposto a una ricognizione, ovvero una sorta di confronto all'americana durante il quale i due sospettati autori della rapina e della rissa, i fratelli albanesi Adriatik Sulkja, difeso da Giovanni Di Meo e Ramadan Tahiri e Drin Sulkja, difeso da Luca Ritzu, sono stati messi a confronto, con altre persone loro somiglianti, davanti a uno specchio mono riflettente al fine di verificare se lo skipper riconoscesse i due albanesi.

Bekker ha riconosciuto Adriatik Sulkja, ma non il fratello. Ora il Pm Alessandro Bogliolo è pronto a chiudere le indagini preliminari e richiedere il rinvio a giudizio, probabilmente per entrambi gli albanesi che si trovano attualmente agli arresti domiciliari.   

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore