/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Porto Maurizio Borgo Marina Imperia Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Condizioni perfette diesel intergrale colore grigio scuro

J300 S.E. ABS immatricolato 09/2016 versione Limited Edition colori Kawasaki verde/nero km. 12.807 tutti effettuati...

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | mercoledì 16 marzo 2016, 17:44

Imperia: ha ingannato gli uffici comunali per incassare oneri economici non dovuti. Cittadino imperiese nei guai

Nei giorni scorsi la Giunta Comunale di Imperia ha approvato la costituzione di parte civile nel procedimento. Il Comune, nella vicenda, che riguarda anche il cambio di destinazione d'uso di alcuni immobili, è infatti stato riconosciuto come parte lesa

Ha ingannato gli uffici comunali sugli oneri economici da incassare relativi a un immobile in costruzione. Un cittadino imperiese nei guai per aver presentato il progetto di un'opera già esistente, dichiarando all'ufficio tecnico del Comune, che era invece ancora da realizzare.

Nei giorni scorsi la Giunta Comunale di Imperia ha approvato la costituzione di parte civile nel procedimento contro l'imperiese. Il Comune, nella vicenda, che riguarda anche il cambio di destinazione d'uso di alcuni immobili, è infatti stato riconosciuto come parte lesa. 

Si legge nella delibera: "In riferimento ad alcune pratiche di mutamento di destinazione d'uso di alcuni immobili, come meglio indicato in atti, nonché in ordine al delitto di cui agli artt. 56, 110, 640 comm1 e 2 n.1, perché: '... rappresentando falsamente le opere come ancora da realizzarsi quando invece erano già intervenute compivano atti idonei diretti in modo univoco ad indurre in errore l’Ufficio tecnico settore urbanistica del Comune di Imperia in ordine alla corretta quantificazione degli oneri economici da incassare con conseguente danno ingiusto per l’amministrazione che avrebbe percepito i soli oneri concessori commisurati alle opere apparentemente da realizzare e non l'ingente sanzione, pari a complessivi euro 106.304,15, derivante dall’eventuale accertamento in conformità delle stesse, non riuscendo nell’intento per cause indipendenti dalla loro volontà”. 

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore