/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | giovedì 28 gennaio 2016, 16:48

Controlli su tutta la tratta ferroviaria ligure: 18mila controlli in tre giorni contro chi viaggia senza pagare

Allontanate prima di salire a bordo oltre 210 persone non in regola con il biglietto, venduti 412 ticket, rilevata un’evasione prossima al 9%. Incassati circa 3.550 euro ed emesso verbali di accertamento per circa 23.000 euro.

Diciottomila controlli in tre giorni condotti da quaranta agenti di Trenitalia provenienti anche da altre regioni e concentrati su 145 treni regionali della Liguria, ritenuti più sensibili al fenomeno dell’evasione. Allontanate prima di salire a bordo oltre 210 persone non in regola con il biglietto, venduti 412 ticket, rilevata un’evasione prossima al 9%. Incassati circa 3.550 euro ed emesso verbali di accertamento per circa 23.000 euro.  

Sono i numeri che compongono il bilancio dei primi tre giorni di lavoro del team nazionale di controllori che questa settimana affianca i colleghi liguri in una nuova e sistematica attività di controllo dei biglietti condotta dalla divisione regionale di Trenitalia all’insegna dello slogan “In treno col biglietto”. I controlli, resi veloci ed efficaci dalla presenza contemporanea di più agenti, sono effettuati sui treni e  nelle fasce orarie considerate a maggior rischio evasione ed hanno interessato tutte le linee liguri da Genova in direzione La Spezia, Ventimiglia, Arquata e Acqui Terme. Le attività si sono svolte anche nelle stazioni di Savona, Genova Sampierdarena,  Camogli, Sestri Levante e Genova Brignole dove, durante le fasi di salita, sono state allontanate oltre 210 persone prive di biglietto.  

I pool costituiti da più persone acquistano anche una funzione dissuasiva nei confronti di possibili reazioni aggressive. Ciò nonostante sono stati dieci i casi in cui è stato chiesto l’intervento della Polfer. "Questo nuovo approccio al fenomeno dell’evasione, con il richiamo al rispetto delle regole e una maggiore capillarità nei controlli, punta a recuperare risorse finanziarie a beneficio della stragrande maggioranza dei viaggiatori, che paga il biglietto e l’abbonamento, e delle Regioni, cui compete l’onere di finanziare il servizio. Questo recupero di risorse contribuirà, infatti, al proseguimento del percorso di ammodernamento e potenziamento della flotta regionale" - sottolineano da Trenitalia.  

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore