/ Arma Taggia Valle Argentina

Che tempo fa

Cerca nel web

Arma Taggia Valle Argentina | martedì 16 febbraio 2016, 14:50

Taggia: un calendario, un nuovo mastello, degli adesivi ed un'app, presentati i nuovi strumenti per migliorare la qualità della raccolta differenziata spinta

“La vera lotta contro discariche la facciamo con i comportamenti in casa, migliorando la qualità. Il vero no lo diciamo in questo modo" - ha sottolineato il sindaco Vincenzo Genduso.

Taggia vuole portare avanti la lotta per migliorare il sistema della raccolta differenziata in un momento dove viene registrata una lieve flessione sulla percentuale ma come hanno annunciato dall’Amministrazione Comunale l’obiettivo in questo momento non è la quantità ma la qualità. Infatti, è stato presentato quest’oggi il piano di iniziative che nell’ottica del Comune, di concerto con Docks Lanterna ed Aimeri, dovranno servire a migliorare il servizio di raccolta rifiuti con una differenziazione ancora più spinta. 

“Dobbiamo aiutare tutte le persone della comunità ad essere responsabili e partecipi ed è anche per questo che con il nuovo anno punteremo sul coinvolgimento delle scuole e del Consiglio Comunale dei Ragazzi delle scuole elementari e medie” - ha sottolineato il sindaco Vincenzo Genduso - Sappiamo che non dobbiamo sederci sugli allori. C’è molto fare nelle case e nei nostri stili di vita. Abbiamo pensato di usare un calendario impostato sulla raccolta dei rifiuti che potesse essere strumento gradito e utile ai cittadini”. 

Il calendario è già pronto ed a breve partirà la distribuzione principalmente proprio nelle scuole. L’intento è quello di incentivare la sensibilizzazione verso una migliore differenziazione del rifiuto utilizzando bambini e ragazzi come principale agente di convincimento nelle famiglie.

Non a caso oggi per parlare di questo progetto per il 2016 c’erano anche i sindaci dei consigli comunali dei ragazzi Alessandro Contardo per le scuole medie e Arianna Burdese, accompagnati dai consiglieri Elisa Pivas e Loris Debenedetti. I bambini hanno le idee molto chiare e dopo aver ripercorso le tappe principali del progetto sviluppato nelle scuole, hanno chiesto anche nuovi bidoni per la differenziata alla Scuola Pastonchi e proposto di dare vita a nuovi incontri e giochi che possano spingere ad una maggior consapevolezza tra i compagni di classe sull’importanza di dover fare la raccolta differenziata.

Il calendario sarà in prima battuta distribuito nelle scuole ma le copie si potranno trovare anche nei principali uffici pubblici. “Il calendario, a dicembre, quando terminerà anno lascerà una copertina che rimarrà come informazione perpetua. Dentro la cittadinanza troverà ovviamente giorni e orari di conferimento e alcuni dati per capire come si può migliorare la differenziata. La quantità c'è ma bisogna guardare alla qualità per ridurre le frazioni esterne” - ha confermato Elisa Gugino, consulente di Aimeri. 

Quella del calendario non sarà l’unica novità introdotta per aiutare i cittadini a differenziare meglio i propri rifiuti. “Ci troviamo a dover perfezionare un sistema in piedi ma che si trova in un equilibrio fragile. - precisa Andrea Montalto per la Docks - Si può mettere azienda migliore al mondo ma se i cittadini non separano non serve a nulla. Serve informazione controllo e capacità di cambiare abitudini, le percentuali ci dicono che serve un impegno continuo. Ecco perché il calendario”

Affianco a questo strumento ne troveremo altri che fanno parte di una strategia ad ampio spettro. Infatti la Docks a breve fornirà dei mastelli nuovi alla cittadinanza per la carta ed inoltre verranno affissi anche dei pratici adesivi che servano a far comprendere quale sia il giusto metodo di differenziazione del rifiuto. Nozioni che troveranno spazio anche nel calendario ma per venire incontro anche alle generazioni dei nativi digitali ed a chi ormai usa abitualmente uno smartphone, ci sarà anche un’app istituzionale. 

L’app ‘Io chiudo il ciclo’, della Regione Liguria, sarà attiva su Taggia, fornendo informazioni utili sul conferimento e soprattutto fornendo una risposta concreta ad interrogativi semplici e quotidiani come ‘dove metto cosa’. Nell’applicazione c’è un database che cataloga tutti i rifiuti che produciamo, indicando quale sia il metodo corretto di smaltimento. Inoltre essendo uno strumento che è ingrato di identificare la nostra posizione permetterà anche di fornire avvisi utili in tempo reale per gli utenti che ne faranno uso. 

Una stoccata sul tema rifiuti arriva infine dal sindaco Genduso: “La vera lotta contro discariche la facciamo con i comportamenti in casa, migliorando la qualità. Il vero no lo diciamo in questo modo. Bisogna produrre sempre meno rifiuti - aggiunge - Taggia ha una produzione procapite decisamente inferiore rispetto alla media ma dobbiamo migliorare, abbiamo diminuito la produzione di 150kg in meno all'anno. Nella nuova campagna informativa vogliamo puntare ad aiutare le persone ad essere più attente e ad impegnarsi”

Se da un lato infatti si punta a migliorare gli strumenti e l’informazione, non meno importante è anche l’aspetto sanzionatorio. “A Taggia c’è ancora uno zoccolo duro di gente indisciplinata, “Emettiamo ancora moltissime sanzioni. - conferma Genduso - Da quando abbiamo iniziato questo servizio sono state elevate ben 150 multe, ognuna parte da 108 euro”.  Davide Birri, rappresentante della Docks, evidenzia che il problema sull’errata differenziazione del rifiuto è più diffuso di quanto si possa credere “Dobbiamo portare avanti una vera e propria lotta contro i condomini. Sono stati gli amministratori di condominio a chiederci di mantenere i cassonetti di prossimità che però sono diventate vere e proprie discariche. Un aiuto potrebbe arrivare con delle nuove telecamere, che il comune aveva promesso di fornire”.

Per controllare il territorio c’è un vigile ma purtroppo non basta e per far questo interverranno anche i quattro ragazzi del servizio civile destinati all’ufficio ambiente. Questa squadra sta dando ottimi risultati conferma l’assessore Luca Napoli “Il loro impegno è lodevole e stanno proseguendo in maniera ottimale il lavoro lasciato dai loro predecessori. Riciclando una battuta del vicesindaco sul migliorare la differenziata ‘Questo è un obiettivo che vale un mandato”. 

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore