/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | venerdì 25 marzo 2016, 07:11

Triora: ad aprile con il consiglio comunale arriverà l'ultimo 'sì' per la nascita del Consorzio Forestale Alpi Liguri con Pigna e Rocchetta Nervina

Questo organo che avrà sede a Pigna, servirà ad ottimizzare meglio la gestione dei boschi comuni ai tre paesini, con l’intento di valorizzare questo ambiente facendoli divenire vere e proprie risorse per il territorio.

Il 12 aprile nel corso del prossimo consiglio comunale di Triora arriverà l’ultimo sì che sancirà la nascita del Consorzio Forestale Alpi Liguri. Questo nuovo soggetto accomunerà tre comuni, oltre al borgo delle streghe della Valle Argentina, ci saranno anche Rocchetta Nervina e Pigna, che hanno già approvato la nascita di questo nuovo soggetto. 

Questo organo che avrà sede a Pigna, servirà ad ottimizzare meglio la gestione dei boschi comuni ai tre paesini, con l’intento di valorizzare questo ambiente facendoli divenire vere e proprie risorse per il territorio. Stando allo statuto già approvato, il consorzio avrà durata indicativa fino al 31 dicembre 2050.

Il Consorzio riconosce come irrinunciabile l'importanza che il bosco e le foreste assumono come elemento di primaria importanza per la conservazione e protezione dell'ambiente naturale. Inoltre, i tre comuni uniti si muoveranno per la salvaguardia del territorio e dell'assetto idrogeologico, per la valorizzazione e salvaguardia degli aspetti paesaggistici oltre che a promuovere boschi e foreste sotto un profilo che valuti lo sviluppo economico culturale e sociale.

Entrando nel dettaglio sono molte le funzioni che si prefigge di avere questo consorzio a partire dalla tutela dell'ambiente naturale ed in particolare il miglioramento dell'assetto idrogeologico di terreni e corsi d'acqua anche mediante l'esecuzione di opere e lavori di sistemazione idraulico-forestale con tecniche di bioingegneria. Tra gli altri compiti spicca sicuramente l'intento di svolgere attività volte alla tutela ed alla manutenzione dei boschi e soprattutto alla prevenzione della piaga degli incendi che purtroppo ritorna ogni anno con la bella stagione. 

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore