/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | giovedì 21 gennaio 2016, 20:04

Soldano: presentata l’app per smartphone che avvisa la popolazione della Val Verbone in caso di allerta meteo

L'amministratore dell’azienda Michele Boella ha illustrato il meccanismo dell’app che ha un costo di 1400 euro per ogni Comune.

Questa sera nella sala del Comune di Soldano, capofila del progetto, è stata presentata l’applicazione gratuita che gestisce le situazioni di allerta meteo che si potrebbero verificare nei Comuni di Soldano, San Biagio della Cima, Perinaldo e Seborga. Presenti, oltre al Sindaco Antonio Fimmanò, il vicesindaco Isio Cassini e Giampiero Anfosso caposquadra della protezione civile che conta circa 30 volontari.

L’azienda Sanremese NeMeA Sistemi Srl fornitrice della soluzione SMART per la Protezione Civile ha prodotto L’APP scaricabile dalla propria Applicazione Store di riferimento, ed il nome da ricercare è: # Val Verbone e Seborga (disponibile su piattaforma App Store, Google play e Microsoft Store).

Un sistema – ha spiegato il primo cittadino – che raggiungerà la stragrande maggioranza della popolazione e che contiamo di implementare in futuro anche con pannelli luminosi da collocare nei paesi”.

Le Amministrazioni – ha aggiunto il vicesindaco – sono obbligate ad avvisare la popolazione con tutti i sistemi in loro possesso. Le polemiche che si sono sentite spesso sono ‘come mai non ci avete avvisato?’ perché l’auto con il megafono ha una diffusione ridotta. Ora quel servizio resta ma tutto quello che serve per allertare la gente ben venga”.

Infine l’amministratore dell’azienda Michele Boella ha illustrato il meccanismo dell’app che ha un costo di 1400 euro per ogni Comune: “Noi forniamo soluzioni che consentono di gestire al meglio le informazioni del territorio. Questa è un’app che può salvare vite sfruttando il sistema di geolocalizzazione. Invia i dettagli dell’allerta meteo con un messaggio sfruttando un canale simile a Whatsapp. Fornisce inoltre le norme di comportamento della protezione civile, i numeri utili e una parte social che garantisce l’acquisizione di importanti informazioni in tempo reale. C’è infine la possibilità di registrare le proprie coordinate e inviarle in caso la persona si trovi in pericolo e abbia bisogno di soccorso immediato”.

Lorenzo Ballestra

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore