/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | sabato 23 gennaio 2016, 16:43

Santo Stefano al Mare: chiudono le attività storiche del paese. Ecco le contromisure del sindaco, Elio Di Placido

"Tengo anzi ad esaltare il coraggio di tutte le persone che ogni giorno aprono la serranda del proprio negozio, mettendosi continuamente in gioco e rendendo vitale il paese"

L'Italia si sta finalmente risollevando dalla crisi economica” afferma il nostro Premier, Matteo Renzi. Eppure, a livello locale, la situazione è tutt'altro che migliorata. Ne rappresenta un esempio il panorama commerciale di Santo Stefano al Mare dove, dall'inizio del 2016, hanno chiuso almeno tre attività storiche e dove, quelle che non hanno buone prospettive per il futuro, sono ancora di più.

Abbiamo chiesto al sindaco di Santo Stefano al Mare, Elio Di Placido, cosa influisca su questa situazione e quali misure stia considerando l'amministrazione, per contrastarla. “La situazione economica, a Santo Stefano, così come in tutta Italia è ancora difficile. Tengo anzi ad esaltare il coraggio di tutte le persone che ogni giorno aprono la serranda del proprio negozio, mettendosi continuamente in gioco e rendendo vitale il paese. L'amministrazione ha previsto una riunione assieme ai commercianti, durante la prima metà di febbraio, per ascoltare tutte le problematiche, le critiche e i suggerimenti. Da questo si aprirà un percorso, dove cercheremo di affrontare assieme la situazione.”

Come sono organizzati i commercianti di Santo Stefano? “Tra il 2001 e il 2004 si costituì il CIV, a cui aderirono una ventina di attività commerciali. Il progetto ebbe un importante successo al tempo, non solo perché vedeva una forte motivazione da parte dei commercianti, ma anche perché portò a risultati tangibili. Proprio al CIV fu legato il progetto tramite il quale si realizzò piazza Baden Powell. Successivamente la motivazione venne meno e il CIV iniziò il processo di riduzione che lo ha portato oggi a comprendere un numero esiguo di attività. L'Amministrazione è aperta e offre la sua massima collaborazione al CIV o a qualsiasi associazione in cui si riconoscano i commercianti di Santo Stefano, in vista di un comune obiettivo, che altri non è se non quello di superare questo momento di crisi”.

Alcuni commercianti lamentano tasse sui rifiuti troppo elevate. Cosa ne pensa? “Sicuramente le tasse sono un elemento che incide sulla situazione. Ma in altri comuni, quali ad esempio le vicine Riva Ligure o Arma di Taggia, tutti possono constatare come, per le medesime attività, i prezzi delle relative tasse siano decisamente più elevate. Stiamo realizzando un nuovo progetto, che dovrebbe vedere l'avvio entro pochi mesi, e che riguarda un centro di raccolta di rifiuti comunale. Ciò aiuterebbe ad ottimizzare i costi ed anche i commercianti vedrebbero diminuire l'onere delle tasse. Anche questo sarà argomento di discussione durante la riunione di febbraio”.


Stefania Orengo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore