/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | giovedì 04 febbraio 2016, 16:38

Sanremo: lezione al cinema con un ospite d'onore, gli alunni dell'Istituto Aicardi Ruffini incontrano il banchiere Guido Corradi

I ragazzi hanno potuto guardare il film 'La grande scommessa' con il commento del dott. Guido Corradi, all’epoca amministratore delegato di Cariparma in seno al colosso francese Crèdit Agricole, secondo gruppo bancario europeo, ed oggi, tra gli altri incarichi, membro del cda Carispezia.

Questa mattina lezione alternativa per le classi quinte dell’istituto Ruffini-Aicardi, con la proiezione del film "La Grande scommessa", ultimo lavoro cinematografico che ripercorre la crisi finanziaria degli anni 2007-2008. Presente per parlare con i ragazzi il dott. Guido Corradi, all’epoca amministratore delegato di Cariparma in seno al colosso francese Crèdit Agricole, secondo gruppo bancario europeo, ed oggi, tra gli altri incarichi, membro del cda Carispezia.

L’iniziativa, che si inserisce nel percorso di educazione economico-finanziaria condiviso dai docenti dell’istituto,  è stata organizzata dalla prof.ssa Barbara   Antenucci. “L’intento è di avvicinare i cittadini del futuro al mondo della finanza, spesso percepito come troppo complesso e ostico,  per cui disorientante sul fronte delle scelte comportamentali. - spiegano dalla Scuola - Il dott. Corradi, con un’efficace narrazione dell’esperienza vissuta sul campo, ha fatto vivere agli studenti i momenti più drammatici del crack bancario del 2008 che ha coinvolto il sistema economico mondiale”.

“Senza sconfinare nel tecnicismo, sono state illustrati i più sofisticati prodotti  d’ingegneria finanziaria, quali mutui subprime e obbligazioni cartolarizzate, fino a mettere a fuoco le criticità che rendono incerta, ancora oggi, la fiducia dei risparmiatori nei confronti delle banche: inadeguata regolamentazione, controlli vanificati dai conflitti di interesse, predominanza delle logiche di profitto. - raccontano - La riflessione conclusiva del dibattito che ha coinvolto la giovane platea: possibile e doveroso recuperare un’etica della finanza soltanto mediante la sensibilizzazione culturale delle nuove generazioni, questa la Grande Scommessa!”

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore