/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | giovedì 25 febbraio 2016, 07:44

Riva Ligure: velocizzazione degli iter burocratrici, la Civica Amministrazione ha istituito il Registro Pubblico degli Assistenti Familiari

La creazione di questo registro si è rivelata fondamentale per rispondere alle necessità della popolazione anziana che è in costante aumento, tanto più in un contesto come quello Riva Ligure, dove su 2910 abitanti ben 602 hanno superato i 70 anni, risultando così, con il 20,69% di Over 70, tra le località con la maggior percentuale di soggetti anziani a livello regionale.

Per facilitare, ma soprattutto velocizzare l'iter tra la richiesta e l'offerta di assistenza e cura, la Civica Amministrazione ha creato un registro che raccoglie i nominativi dei lavoratori e lavoratrici del settore, già in possesso di professionalità e che intendano proporsi alle famiglie come assistenti familiari per l'attività di cura e assistenza alle persone che si trovano in condizioni di fragilità.

"Prendersi cura è una bellissima espressione - dichiarano il Sindaco Giorgio Giuffra ed il Consigliere incaricato al Sostegno Sociale Giordana Castore - che indica l’atto commosso di chi, di fronte alla necessità, al bisogno, di una persona si muove affinché questo bisogno possa essere affrontato e se possibile risolto. Ma un non addetto ai lavori, nonostante tutta la buona volontà, - proseguono - non può "prendersi cura" dell’anziano fragile che ha mille necessità se non sa come districarsi, se non è minimamente preparato per venire incontro ai bisogni del proprio caro."

La creazione di questo registro si è rivelata fondamentale per rispondere alle necessità della popolazione anziana che è in costante aumento, tanto più in un contesto come quello Riva Ligure, dove su 2910 abitanti ben 602 hanno superato i 70 anni, risultando così, con il 20,69% di Over 70, tra le località con la maggior percentuale di soggetti anziani a livello regionale.

Il Registro permetterà inoltre di sperimentare modalità innovative di coinvolgimento del privato sociale, di favorire la diffusione di un servizio qualificato e regolare a beneficio sia degli stessi lavoratori del settore sia delle famiglie che abbiano necessità di ricorrere ad assistenti familiari in possesso di requisiti certificabili.

"L'incremento del numero di persone anziane, il progressivo indebolimento delle prestazioni informali di assistenza fornite dalle famiglie, la ridotta possibilità di sostegno intergenerazionale - concludono il Sindaco ed il Consigliere incaricato al Sostegno Sociale - sono tutti fattori che determinano un aumento della domanda di assistenza per le persone non autosufficienti. Risulta dunque fondamentale intervenire ed investire nella qualificazione della figura dell'assistente familiare, nel suo inserimento nella rete dei servizi, nonché nella regolamentazione del mercato privato di cura."

Potranno presentare la domanda di iscrizione tutte le persone maggiorenni che non abbiano conseguito condanne penali passate in giudicato e che non abbiano carichi penali pendenti. Inoltre è necessario che siano in possesso di almeno uno dei seguenti requisiti: aver frequentato, con esito positivo, un corso di formazione teorico-pratico della durata di almeno 200 ore; aver conseguito una qualifica professionale inerente l’area dell’assistenza socio – sanitaria; avere un’esperienza professionale, con regolare assunzione documentata di almeno 12 mesi. I cittadini stranieri oltre ai suddetti requisiti, dovranno essere in possesso di un regolare permesso di soggiorno e di una sufficiente conoscenza della lingua italiana.

Maurizio Losorgio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore