/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | sabato 26 marzo 2016, 18:00

Molini di Triora ed Agaggio perdono le macellerie, adesso la prima si trova a Badalucco

Le due chiusure tuttavia non sono state dettate dalla crisi come si potrebbe pensare trattandosi di entroterra.

Tempi grigi in alta valle Argentina dove purtroppo per una serie di sfortunate coincidenze nel giro di poche settimane sono state chiuse tutte le macellerie. Il problema si è creato a Molini di Triora, dove da tempo erano aperti due macellai doc, rinomati su scala provinciale per la qualità dei prodotti che erano in grado di offrire.

Stiamo parlando della macelleria di 'Giacomino' (al secolo Giacomo Moraldo) nella frazione di Agaggio e di quella di Angelo Zucchetto che si trovava in pieno centro nel capoluogo. Un bel problema considerando che senza quelle due macellerie, la prima di queste attività si trova a Badalucco lasciando di fatto sguarnita la parte alta della vallata. 

Le due chiusure tuttavia non sono state dettate dalla crisi come si potrebbe pensare trattandosi di entroterra. Nel caso della macelleria della frazione, lo storico proprietario ha dovuto riporre i coltelli per via dell’età mentre nella rivendita del capoluogo sono subentrati motivi di carattere privato. Una situazione che crea disagio soprattutto se si considera la presenza di tante persone anziane che erano abituate a rifornirsi nel negozio sotto casa e che non erano certo propense a spostarsi a fondo valle o nei centri commerciali per una bistecca.

Non bisogna dimenticare che la valle non è nemmeno così ben servita dai mezzi pubblici, tanto che spostarsi verso il mare spesso comporta diversi compromessi per quanto riguarda gli orari. Resta il fatto che ad oggi questa situazione è problematica e sembra lontana la possibilità che si possa arrivare ad una soluzione. Le due macellerie erano delle attività ma soprattutto un servizio importante in una florida vallata dove le piccole botteghe sopravvivono garantendo un alto livello di qualità oltre che attraverso la vendita di prodotti tipici che solo in questi paesini si possono trovare. 

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore