/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

ATTUALITÀ | giovedì 14 gennaio 2016, 07:41

La Banca di Caraglio e la Confcommercio di Imperia insieme a sostegno dell'imprenditoria provinciale

Prorogato di un anno il plafond riservato ai soci della banca e di Confcommercio.

La Banca Caraglio e la Confcommercio di Imperia sostengono l'imprenditoria provinciale. La direzione dell'istituto di credito infatti ha manifestato l'intenzione di prorogare di un ulteriore anno (fino al 31 dicembre prossimo) il plafond riservato ai soci della banca e della Confommercio Imperia in forza dell'accordo sottoscritto il 19 febbraio scorso.

L'accordo, in particolare, consiste in una facilitazione alle imprese socie dell’istituto ed iscritte alla Confcommercio, che hanno bisogno di credito per varie necessità, come inizio di nuove attività, investimenti, creazione di nuovi posti di lavoro, con un tetto fino a 100mila euro ad impresa. Banca di Caraglio, a febbraio, aveva finanziato il protocollo destinando a bilancio 3 milioni di euro, cifra che è però rifinanziabile in caso di richieste superiori da parte degli imprenditori. Un fondo vuole aiutare le piccole e medie imprese, gli artigiani e i commercianti per superare la crisi esercitando tassi agevolati e particolari agevolazioni per aiutare a sviluppare le progettualità delle imprese.

“Con la Banca di Caraglio – sottolinea il presidente provinciale di Confcommercio Enrico Lupi - abbiamo avviato una proficua collaborazione già da diverso tempo, abbiamo presente un nostro dirigente nel comitato esecutivo della banca stessa e abbiamo rafforzato questa collaborazione. L'accordo sottoscritto a febbraio e la decisione di prorogare l'intesa raggiunta aiuta le nostre imprese ad avere un'offerta maggiore e migliore rispetto al mercato del credito che rimane uno degli scogli oggi per poter continuare a sopravvivere in un momento complesso come quello attuale". 

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore