/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | mercoledì 27 aprile 2016, 10:00

Tutela la tua relazione coniugale e scopri eventuali tradimenti: l'agenzia Investigativa Aginform Istituto Barberini offre consulenze e soluzioni legali

"Parte del nostro lavoro si basa sul monitorare gli spostamenti del soggetto, attraverso appostamenti e ricerche, fino ad accertare gli incontri clandestini e a documentarli al cliente".

Quanti matrimoni terminano per infedeltà? C'è un detto che recita “se nel matrimonio è entrata una terza persona è perchè qualcuno ha lasciato la porta aperta”. Ma per avere la certezza e le prove, utili anche ai fini giudiziari, di un tradimento, è necessario rivolgersi a professionisti del settore.

La Aginform Istituto Barberini di Imperia opera sul territorio dal 1925, occupandosi di informazioni commerciali e riservate. “ I clienti che si rivolgono a noi per indagare su un tradimento, hanno sempre un dubbio, che nel 90% dei casi viene confermato. Ci sono poi persone che non hanno prove di quanto sospettato, ma che, attraverso il nostro lavoro, riescono a dimostrare le proprie ragioni” spiega Giovanna Artioli, responsabile di Aginform.

Ma come lavora un investigatore privato in un campo delicato come quello del tradimento coniugale? “Si apre un primo colloquio con il cliente, nel quale si cerca di comprendere la situazione e se un pedinamento possa portare a dei risultati effettivi. Si pianifica quindi la parte tecnico-investigativa, avviando le indagini. Il lavoro si basa quindi sul monitorare gli spostamenti del soggetto, attraverso appostamenti e ricerche, fino ad accertare gli incontri clandestini e a documentarli al cliente. Si parla di incontri, al plurale, perchè è necessario avere più prove per dare le certezze che il cliente necessita ed evidenziare che non si tratti di un episodio sporadico” prosegue la Artioli.

Il rapporto che testimonia l'infedeltà coniugale da parte di Aginform, potrà essere fatto valere in tribunale, quale ricerca ricerca di prove testimoniali per ottenere la separazione giudiziale con addebito di responsabilità al coniuge infedele, in base all'articolo 143 del Codice Civile. Ciò se l' infedeltà coniugale viene considerata la causa scatenante della separazione.

Ma il raggio di azione di questo ramo investigativo è molto più ampio. Le indagini possono mirare anche alla verifica del reddito nell'ambito di una separazione, per la valutazione dell'assegno di mantenimento. Attraverso le sue indagini Aginform, può eseguire controlli e far ottenere assegni di separazione più alti, nel caso in cui si verificasse che il coniuge avesse un reddito maggiore rispetto a quello dichiarato  oppure, nella situazone opposta, che venga assegnato un mantenimento più basso nel caso in cui vengano messe in rilievo attività in nero.

Gli stessi controlli vengono effettuati anche nell'ambito parentale, in cui Aginform utilizza le proprie indagini per monitorare i momenti  in cui coniuge trascorre il tempo con figli minorenni, per documentare se vi siano problematiche o situazioni non regolari.

Per questioni delicate come il tradimento coniugale e tutto quanto ad esso correlato, affidatevi a professionisti, che sapranno potarvi a risultati concreti. Per maggiori informazioni, è possibile contattare il numero 348-6707501 o scrivere una mail a aginform@uno.it

IP

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore