/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | sabato 06 febbraio 2016, 19:23

Imperia: inaugurato il Museo d'Arte Contemporanea a villa Faravelli. Capacci: "Giornata storica per la città"

Un centinaio i visitatori, tra cui molte autorità, ad assistere alla presentazione delle opere donate dall'architetto genovese Lino Invernizzi e dalla moglie Maria Teresa Danè alla città di Imperia che da oggi ha quindi il suo museo d'arte contemporanea

E' stata inaugurata, questo pomeriggio la mostra permanente della collezione Invernizzi a villa Faravelli. 

Un centinaio i visitatori, tra cui molte autorità, ad assistere alla presentazione delle opere donate dall'architetto genovese Lino Invernizzi e dalla moglie Maria Teresa Danè alla città di Imperia che da oggi ha quindi il suo museo d'arte contemporanea.

Tra quadri e sculture in esposizione, due dei celebri tagli di Lucio Fontana, l'Achrome di Piero Manzoni, Cavallo e Cavaliere di Marino Marini. Ma non solo, in mostra anche opere di Piero Dorazio, Mario Radice, capostipite dell'astrattismo, Frank Kupka, esponente del cubofuturismo russo, Robert Delaunay, rappresentante dell'orfismo, Serge Poliakoff, Joseph Albers, Max Bill e Victor Vasarely. In mostra anche l'astrattismo ligure con opere di Rocco Borella.

"Oggi è una giornata storica per Imperia e per il patrimonio culturale della nostra città. - ha detto il Sindaco di Imperia Carlo Capacci - Inauguriamo un nuovo museo che diventerà un punto di riferimento a livello nazionale e non soltanto, per l'arte contemporanea. L'alto prestigio e il valore artistico delle opere qui esposte, da domani fruibili al pubblico, è noto a tutti. La passione per l'arte dell'architetto Lino Invernizzi, lo ha condotto a collezionare i più importanti e prestigiosi autori del dopogruerra, da Fontana a Manzoni, da Marini a Delaunay".

Alla presentazione anche l'Assessore alla Cultura Nicola Podestà: "E' una soddisfazione enorme per me. Questo pomeriggio diamo il via a un nuovo percorso culturale a Imperia. Questo è il punto di arrivo a una storia precedente, ma è il punto di partenza per quello che verrà dopo. Imperia, è una città che culturalmente non ha da invidiare nulla a nessuno. Si avvertono fermenti, c'è voglia di freschezza, di vivacità intellettuale che magari a una visione superficiale non risulta, ma c'è".

Alfonso Sista, incaricato dalla Sovrintendenza Ligure per la tutela del patrimonio nella provincia di Imperia, ha ringraziato coloro che hanno contribuito alla nascita del museo.

"L'azione della Sovrintendenza Ligure - ha detto - è volta, non solo alla tutela del patrimonio artistico regionale antico, ma anche a valorizzare l'arte contemporanea".

Lo storico dell'arte Fulvio Cervini ha presentato la collezione: "Allestire una collezione come questa, significa anche affrontare problemi di gestione dello spazio, di gestione, di manutenzione, di climatizzazione. In queste operazioni è fondamentale il ruolo degli esperti del mestiere, ma anche di risolutori di problemi. L'allestimento di questa collezione rappresenta secondo me un esempio virtuoso di collaborazione tra i tecnici e i risolutori di problemi".

Cervini ha anche parlato della location scelta per la collezione, la classica villa Faravelli che contrapposta alle opere esposte "Fa venire uno shock anafilattico ai visitatori", ha detto ironizzando, aggiungendo però: "E' una bellissima villa degli anni '30 costruita per ospitare altre opere, altri arredi, che esprime una cultura diversa dalla maggior parte delle opere che sono qui. Basta confrontare la vetrata, molto tradizionalista. Vedere Fontana e Manzoni sullo sfondo di tappezzerie a fiori è abbastanza singolare, però è anche vero che nella maggior parte delle case dei collezionisti, questo shock si ripropone, e le opere dialogano a volte in maniera bizzarra, per non dire violenta, con l'ambiente. Però questo è un luogo importante e interessante perché appartiene in qualche modo alla storia novecentesca di Imperia, quindi non è propriamente un luogo neutro, e secondo me è proprio questa la sua bellezza, proprio perché non è uno spazio museale, non è un loft, non è una galleria asettica, è una casa vissuta e queste sono opere che sono state vissute e chiedono di essere vissute ancora".

A coordinare la presentazione la dott.ssa Daniela Lauria.

All'inaugurazione erano presenti, tra gli altri, il Sindaco di Imperia e tutta la Giunta, il Prefetto Silvana Tizzano, il Questore Leopoldo Laricchia, il Capitano della Stazione dei Carabinieri di Imperia Giovanni Diglio, l'ex Ministro Claudio Scajola, la moglie Maria Teresa Verda, l'ex Presidente della Provincia Luigi Sappa, l'attuale Fabio Natta e l'Assessore Regionale all'Urbanistica Marco Scajola.

Il museo sarà aperto al pubblico per tutta la giornata di domani, gratuitamente.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore