/ ATTUALITÀ

Spazio Annunci della tua città

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | venerdì 25 marzo 2016, 18:03

Imperia: detenuti in scena con il nuovo spettacolo per la 'Giornata Nazionale del Teatro in carcere'

Ancora una volta l'Istituto ha voluto che i detenuti di cimentassero nel teatro, una disciplina dalla fondamentale vocazione trattamentale ed educativa, importante nel suo percorso didattico e ricreativo sul gruppo e sulla persona al di là di un pur apprezzabile risultato finale, molto gradito dal pubblico, formato dai ristretti e da personale civile.

In occasione della 54^ Giornata Mondiale del Teatro, contestualmente alla Terza Giornata Nazionale del Teatro in Carcere, oggi venerdì 25 marzo, alle ore 14 presso l'area trattamentale dell' Istituto si è tenuto lo spettacolo di fine corso della compagnia Teatro Brigante del Carcere di Imperia, dal titolo "Se tu fossi stato me".

I sette detenuti attori, diretti da Davide Barella, hanno messo in scena uno spettacolo da loro scritto e ispirato a una storia vera.

Due ragazzi, amici fin da bambini, vivono in ambienti completamente diversi. Uno fatto di agi e privilegi, l' altro di stenti e criminalità. La vita li separa per vie opposte finché non trovano la loro reciproca  dimensione;  uno intraprende una brillante carriera nel mondo della giurisprudenza, l' altro invece finisce in una spirale criminale. Ma il destino in agguato fa sì che i due si rincontrino in un' aula di tribunale dove l' amicizia lascia il passo al diritto. Senza tuttavia indifferenza. Infatti i due restano in contatto attraverso un fitto scambio epistolare.

Sospeso fra un  presente di detenzione e un passato di dolorosi vissuti personali lo spettacolo si è soffermato a fare riflettere lo spettatore sul ruolo dell' ambiente di vita, e sul tipo di impronta a volte indelebile  che questo può dare all' esistenza di un individuo.

Ancora una volta l'Istituto ha voluto che i detenuti di cimentassero nel teatro, una disciplina dalla fondamentale vocazione trattamentale ed educativa, importante nel suo percorso didattico e ricreativo sul gruppo e sulla persona al di là di un pur apprezzabile risultato finale, molto gradito dal pubblico, formato dai ristretti e da personale civile.

C.S.

Animus Loci:
tracce d'Europa nel cuore d'Italia

In diretta sul nostro quotidiano venerdì 25 maggio dalle ore 17. SCOPRI DI PIU'

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore